Green Pass, l’UE ribadisce: “Non è obbligatorio per viaggiare, libera circolazione è un diritto fondamentale in Europa”

"Il Green Pass non è obbligatorio per viaggiare in Europa, libera circolazione è diritto fondamentale": il chiarimento dell'Unione Europea

MeteoWeb

Mentre in Italia si discute sull’opportunità di rendere obbligatorio il Green Pass, un dibattito lanciato dal Presidente francese Macron che ha annunciato l’obbligo del Green Pass persino per bar, ristoranti e treni da istitutire ad agosto, nel resto d’Europa e del mondo crescono le voci contrarie alla richiesta di un pass per le varie attività della vita sociale. Contro il Green Pass si sono già espressi i governi di Germania, Regno Unito e USA che, con le esplicite dichiarazioni di Merkel, Johnson e Biden hanno respinto ogni ipotesi in merito ribadendo la natura liberale dello Stato.

Intanto l’Unione Europea ribadisce per l’ennesima volta che il Green Pass non è obbligatorio per viaggiare tra i vari Paesi del continente, e che la “libera circolazione è un diritto fondamentale nell’Unione Europea“. Sul sito ufficiale della Commissione Europea, infatti, le autorità comunitarie hanno pubblicato le FAQ sul Green Pass.

Per prima cosa, viene spiegato che il Green Pass non è un obbligo vaccinale perchè non si ottiene soltanto con la vaccinazione, ma si ottiene anche con un test negativo (avrà validità di 3 giorni con test PCR, di 2 giorni con test rapidi) o con la guarigione dall’infezione.

Le autorità europee pubblicano poi chiaramente la domanda: “I cittadini che non sono vaccinati possono viaggiare in un altro Paese dell’Unione Europea?“. La risposta è secca: “Sì. Il Green Pass dovrebbe falicitare la libertà di movimento dentro l’Unione Europea. Non è un presupposto per la libera circolazione, che è un diritto fondamentale nell’Unione Europea“.