I mammut come i dinosauri: entrambi decimati dal clima prima che dai cacciatori e dall’asteroide

E' stato il clima il principale fattore responsabile dell'estinzione di mammut e dinosauri, secondo due nuove ricerche internazionali

MeteoWeb

Il destino di mammut e dinosauri ha un elemento in comune: è stato il clima, prima che altri fattori, a decimarli, secondo quanto rivelato da due recenti studi internazionali.

Finora, si riteneva che mammut, mastodonti e altri antenati degli elefanti moderni fossero stati decimati dalle lance dei cacciatori preistorici. Invece lo studio condotto dai paleontologi delle universita’ di Bristol (Gran Bretagna), Alcala’ (Spagna) ed Helsinki (Finlandia), pubblicato su Nature Ecology and Evolution, ha preso in esame i resti di antichi proboscidati conservati nei musei di mezzo mondo per ricostruire l’evoluzione di 185 specie nell’arco di 60 milioni di anni. Analizzando tratti come le dimensioni, la forma del cranio e la superficie masticatoria dei denti, i ricercatori hanno scoperto che l’evoluzione di questi animali ha subito una forte accelerazione 20 milioni di anni fa, quando sono usciti dall’Africa per migrare verso Europa, Asia e Nord America. Il rischio di estinzione ha raggiunto il picco 2,4 milioni di anni fa in Africa, 160.000 anni fa in Eurasia e 75.000 anni fa in America. La tempistica riflette quella dei cambiamenti climatici e non l’espansione delle prime popolazioni umane, ne’ lo sviluppo degli strumenti per la caccia ai grandi erbivori.

asteroide dinosauriSecondo lo studio, condotto dalle universita’ di Bristol e Montpellier e pubblicato su Nature Communications, anche i dinosauri erano in forte declino per colpa del clima nei 10 milioni di anni antecedenti alla caduta dell’asteroide, finora ritenuto il responsabile della loro estinzione. “Abbiamo studiato le sei famiglie di dinosauri piu’ diffuse nel Cretaceo, tra 150 e 66 milioni di anni fa – osserva il primo autore Fabien Condamine – e abbiamo osservato che si stavano evolvendo ed espandendo con successo fino a quando, 76 milioni di anni fa, c’e’ stato un declino repentino. Il tasso di estinzione e’ salito e in alcuni caso il tasso di comparsa di nuove specie e’ crollato“. Due i fattori responsabili: “il primo e’ che il clima e’ diventato piu’ freddo, rendendo difficile la vita ai dinosauri, poi la perdita degli erbivori, che ha reso gli ecosistemi instabili e suscettibili a una cascata di estinzioni”, spiega Mike Benton di Bristol.