Il caso delle gocce della madre di Berrettini: sono tra i rimedi naturali più usati [VIDEO]

Sta facendo molto discutere il video nella quale si vede la madre del tennista italiano Matteo Berrettini dare delle gocce ad un giovane seduto vicino a lei, dopo averle assunte lei stessa

MeteoWeb

Ha fatto il giro dei social il video di pochi secondi cha ha ‘colto in flagrante’ la madre del tennista italiano Matteo Berrettini, il quale ieri ha disputato a Wimbledon la finale contro Novak Djokovic uscendone purtroppo sconfitto. La donna è stata  immortalata mentre metteva in bocca, e poi dava anche all’amico Marco Gulisano, inizialmente scambiato per il figlio minore Jacopo, delle ‘misteriose’ gocce. A parte i commenti esilaranti, data la scena divertente colui che sembrava il 22enne fratello del tennista apre la bocca e alza la lingua per permettere alla donna di mettervi le gocce, molti si sono chiesti di che tipo di farmaco si trattasse. Ebbene, a giudicare dalla confezione, non si tratta di un farmaco ma di un rimedio naturale molto diffuso: dovrebbe trattarsi di Fiori di Bach “Rescue Remedy”.

I fiori di Bach sono prodotti omeopatici, in genere venduti in gocce, che trattano la malattia non come tale, ma come manifestazione di un disagio psicologico. Rescue Remedy, come suggerisce il nome, è una miscela di cinque fiori di Bach da usare come rimedio di emergenza.

I fiori di Bach, che devono il loro nome al medico scozzese Edward Bach che li sperimentò per primo, sono da tempo una delle soluzioni più accreditate per il trattamento delle condizioni psicologiche da cui hanno origine varie patologie. Con il ricorso ai fiori di Bach il concetto di malattia viene ribaltato, e viene dunque trattato lo stato mentale che in persone diverse possono originare diverse patologie e non la malattia in sé stessa.

Rescue Remedy, in particolare, è un preparato composto, ottenuto da cinque fiori di Bach:

  • Clematis che rafforza i legami con la realtà;
  • Cherry Plum che combatte la paura di perdere il controllo della situazione.
  • Impatiens che contrasta lo stress e la tensione psichica
  • Rock Rose che aiuta a vincere il panico.
  • Star of Bethlehem che allevia lo shock.

Edward Bach ideò il Rescue Remedy nel 1934, facendovi ricorso come mezzo di pronto soccorso terapeutico in tutte le condizioni di emergenza, come trauma fisico e psichico, reazioni eccessive a farmaci, lutti, distacchi, perdite, abbandoni, esami o prove importanti da sostenere, e persino per il parto.

La posologia più comune è di 4 gocce anche ogni 5-10 minuti. Il tempo viene dilatato in base al miglioramento. In caso di alterazione o perdita di coscienza Rescue Remedy può essere applicato sulle labbra o sulle tempie.

La madre di Berrettini mette delle gocce sotto la lingua di un giovane seduto accanto a lei [VIDEO]