Ingenuity si prepara per il 10° volo su Marte, nel nuovo viaggio esplorerà “Raised Ridges”

Il 10° volo del drone marziano di 1,8 kg potrebbe avvenire già domani, secondo quanto hanno reso noto i funzionari della NASA

MeteoWeb

Il numero dei voli marziani dell’elicottero Ingenuity della NASA raggiungerà presto la doppia cifra.
Il 10° volo del drone di 1,8 kg potrebbe avvenire già domani, secondo quanto hanno reso noto i funzionari della NASA durante una conferenza stampa.
Il nuovo viaggio esplorerà “Raised Ridges”, area caratterizzata da elementi rocciosi all’interno del Cratere Jezero di Marte, dove il partner robotico di Ingenuity, il rover Perseverance della NASA, potrebbe raccogliere alcuni campioni per il futuro ritorno sulla Terra.

Perseverance e Ingenuity sono atterrati insieme il 18 febbraio sulla superficie del Cratere Jezero, largo 45 km, che in passato ospitava un lago e un delta del fiume. All’inizio di aprile, Ingenuity è stato rilasciato dalla “pancia” di Perseverance, dando il via a una campagna di volo di dimostrazione tecnologica della durata di un mese.

Il velivolo ha effettuato con successo tutte e cinque le missioni di quel periodo. La NASA ha quindi concesso a Ingenuity un’estensione, durante la quale l’elicottero ha messo in mostra il potenziale di esplorazione dei veicoli aerei di Marte. Ad esempio, Ingenuity ha esplorato un’unità geologica chiamata Séítah durante il suo 9° volo, che si è verificato il 5 luglio.
Séítah è caratterizzato da una serie di dune di sabbia, che rendono troppo difficile l’attraversamento di Perseverance. Le immagini di Ingenuity aiuteranno il team del rover a scovare altri possibili ostacoli in altre località lungo il percorso previsto.

Ingenuity ha già catturato alcune immagini di Raised Ridges durante il volo del 5 luglio, ma i team della missione vogliono ottenere altre foto del luogo, che fa parte di un sistema di fratture dove l’acqua liquida potrebbe essere stata presente molto tempo fa.

Il team Ingenuity ha potenziato le capacità dell’elicottero durante l’estensione della missione. Ad esempio, nel 9° volo, Ingenuity ha viaggiato per circa 650 metri, ha raggiunto una velocità massima di 17,7 km/h ed è rimasto in volo per 166 secondi, tutti record per il piccolo robot.

Gli obiettivi principali della missione di Perseverance riguardano la ricerca di segni di vita passata su Marte e la raccolta e di dozzine di campioni, che verranno riportati sulla Terra da una campagna congiunta NASA-ESA, forse già nel 2031.

Durante i suoi primi mesi su marte, Perseverance ha lavorato sui propri sistemi, facendoli diventate pian piano operativi, ed ha supportato i primi voli di Ingenuity, ma il rover a sei ruote si sta ora concentrando sulla propria missione principale: ha iniziato il suo lavoro di caccia alla vita e si sta preparando a raccogliere il suo primo campione, una pietra miliare che potrebbe avvenire entro le prossime due settimane.