Il muco diventerà la medicina del futuro: da sostanza disgustosa a principio salvavita

Con il muco artificiale, sarà anche possibile alleviare le infezioni nel corpo: la nuova avanguardia della medicina prevede la 'costruzione' in laboratorio di mucine a scopo curativo

MeteoWeb

Molte persone associano istintivamente il muco a qualcosa di disgustoso, ma in realtà ha numerose funzioni preziose per la nostra salute. Basti pensare che questa sostanza è in grado di tenere traccia della nostra importante flora intestinale e nutre i batteri. Copre tutte le superfici interne del nostro corpo e, come barriera al mondo esterno, ci aiuta a proteggerci dalle malattie infettive. Questo perché il muco agisce come un filtro per i batteri, i quali si nutrono degli zuccheri presenti proprio il muco. Quindi, se attraverso gli zuccheri giusti riusciamo a produrre il muco che è già presente nel corpo, potremmo utilizzarlo in nuovissimi trattamenti medici.

Ora, i ricercatori del Centro di eccellenza DNRF, Copenhagen Center for Glycomics, hanno scoperto come produrre artificialmente il muco sano. “Abbiamo sviluppato un metodo per produrre le informazioni importanti che si trovano nel muco umano, chiamato anche mucine, con i loro importanti zuccheri. Ora, dimostriamo che è possibile produrlo artificialmente nello stesso modo in cui oggi produciamo altri farmaci biologici terapeutici”, afferma il professor Henrik Clausen, autore principale dello studio e direttore del Copenhagen Center for Glicomica.

Il muco, o mucine, è costituito principalmente da zuccheri. Nello studio, i ricercatori mostrano che in realtà sono i modelli speciali di zuccheri sulle mucine che i batteri riconoscono. “È il modo in cui il corpo seleziona i batteri buoni e deseleziona quelli che causano malattie. E sono proprio gli zuccheri nel muco che ora siamo in grado di progettare secondo necessità“, afferma il primo autore dello studio, la studentessa Rebecca Nason.

I ricercatori sono particolarmente interessati al muco del tratto gastrointestinale. Come una gigantesca rete da pesca, il muco tiene traccia di tutti i batteri, il nostro microbioma. Quindi, se si potesse imitare la capacità dei batteri di attaccarsi al muco intestinale, si potrebbero progettare farmaci orali che si attaccano al muco, rendendoli più efficaci. “Abbiamo trovato una piccola molecola di batteri – che chiamiamo X409 – che si lega all’intestino, e questa è proprio una delle tante possibilità su cui stiamo lavorando“, afferma Rebecca Nason.

“Può essere difficile ottenere il risultato di un farmaco efficace quando deve essere ingerito e assorbito nel nostro sistema intestinale. Quindi, quando si progetta il farmaco come una pillola che il paziente ingoia, non è certo che sarà pienamente efficace. Ci sono molti ostacoli lungo il percorso attraverso il sistema digestivo e il farmaco ha bisogno di tempo nel tratto gastrointestinale per essere sciolto e distribuito nel corpo”, spiega ancora la ricercatrice. Assumiamo più di un litro di muco al giorno sotto forma di saliva e più dallo stomaco, che insieme alla rete da pesca in continua evoluzione del muco nell’intestino alimenta il nostro microbioma intestinale. Il microbioma dell’intestino è assolutamente cruciale per la nostra salute e di grande importanza in relazione a molte malattie.

“Un numero incredibile di malattie ha una connessione con la flora intestinale, ma sappiamo ancora molto poco su come possiamo controllare la flora intestinale nel trattamento delle malattie. È qui che le mucine sintetiche potrebbero aprire nuove opzioni di trattamento”, afferma il professore associato Yoshiki Narimatsu, un altro degli autori principali dello studio. “In definitiva, si può immaginare di usare le mucine come materiale prebiotico, cioè come molecole che aiutano i batteri buoni nel corpo“, afferma Narimatsu.

Con il muco artificiale, sarà anche possibile alleviare le infezioni nel corpo. Il muco nella saliva elimina i batteri e pulisce la cavità orale e il muco scorre costantemente sugli occhi e li mantiene puliti. “Immaginiamo che invece di usare antibiotici, si potrebbero produrre, ad esempio, colliri con la mucina che normalmente rimuove i batteri nel trattamento delle infezioni oculari. In termini concreti, ciò significa che la mucina può dissolvere il cosiddetto biofilm dei batteri, che è spesso patogeno“, precisa ancora Narimatsu.

Il biofilm è una pellicola di batteri sulla superficie di un materiale ed è, tra le altre cose, ciò che puoi sentire sui denti se è passato molto tempo dall’ultima volta che li hai lavati. Non sono solo i batteri a riconoscere le mucine. Mostriamo anche che le mucine sono molto importanti per il modo in cui il comune virus dell’influenza infetta le nostre mucose in competizione con le mucine che inibiscono l’infezione e eliminano il virus“. A differenza del virus Covid-19, quellodell’influenza si lega a uno zucchero, che si trova su tutte le mucine, e proprio uno zucchero è già stato sviluppato per il trattamento dell’influenza. “Speriamo che le mucine funzionino ancora meglio“, conclude Yoshiki Narimatsu.