Oggi Virgin Galactic darà avvio all’era del turismo spaziale: tutto sullo storico volo di SpaceShipTwo

Oggi Virgin Galactic lancerà il suo primo volo con equipaggio completo del suo aereo spaziale SpaceShipTwo, aprendo l'era del turismo spaziale

MeteoWeb

Oggi, Virgin Galactic compirà un passo da gigante verso il volo spaziale suborbitale commerciale. La compagnia americana lancerà il suo primo volo con equipaggio completo del suo aereo spaziale SpaceShipTwo con un passeggero speciale a bordo: il miliardario Richard Branson, fondatore di Virgin Galactic. Branson, 3 colleghi e due piloti compiranno un volo storico dopo essere stati portati nella posizione di lancio dall’aereo vettore di Virgin Galactic, VMS Eve. Decolleranno dallo Spaceport America in Nuovo Messico e una diretta live racconterà l’impresa.

Virgin Galactic non ha rilasciato un orario specifico per il lancio, ma la compagnia ha annunciato che inizierà a trasmettere la diretta della missione dalle 15 (ora italiana).

Il maltempo rinvia lo storico lancio di Virgin Galactic: operazioni rimandate di 90 minuti

Branson ha dichiarato che l’intero volo durerà circa 90 minuti, inclusi l’ascesa alla posizione di lancio, il rilascio, il volo nello spazio e il ritorno a Terra per un atterraggio sulla pista dello Spaceport America. Dopo il decollo, l’aereo VMS Eve trasporterà SpaceShipTwo fino ad un’altitudine di 15.000 metri, quando la navetta si sgancerà dall’aereo. Dopo la separazione, Unity accenderà il suo motore a razzo ibrido, che utilizza un mix di propellente solido e liquido, per iniziare la fase di spinta. Questo trasporterà Unity all’altitudine di oltre 80km, dove piloti ed equipaggio sperimenteranno 4 minuti di assenza di peso, ammirando le viste mozzafiato della Terra attraverso i tanti finestrini ovali del veicolo spaziale. Dopo questo breve incontro con l’assenza di peso, Unity si preparerà per il ritorno sulla Terra.

equipaggio virgin galactic
Credit: Virgin Galactic

Virgin Galactic lancerà 6 persone sul volo Unity 22, sebbene il veicolo spaziale sia progettato per trasportare fino a 8 persone (2 piloti e 6 passeggeri). L’equipaggio di Unity 22 include 4 specialisti di missione:

  • Sirisha Bandla (Vice Presidente degli affari governativi e delle operazioni di ricerca di Virgin Galactic) valuterà l’esperienza di ricerca attraverso un esperimento dell’Università della Florida che richiede l’attivazione di diversi tubi di fissaggio portatili in vari punti del profilo di volo;
  • Colin Bennet (ingegnere capo delle operazioni di Virgin Galactic) valuterà l’attrezzatura della cabina, le procedure e l’esperienza durante la fase di spinta e l’ambiente in assenza di gravità all’interno di Unity;
  • Richard Branson valuterà l’esperienza dell’astronauta privato. Riceverà lo stesso addestramento, la stessa preparazione e lo stesso volo dei futuri astronauti di Virgin Galactic e utilizzerà il volo per migliorare l’esperienza per i clienti;
  • Beth Moses (capo istruttore degli astronauti di Virgin Galactic) sarà il leader di cabina e il direttore dei test nello spazio. I suoi compiti includono supervisionare l’esecuzione in sicurezza degli obiettivi del test di volo.

Due piloti veterani di Virgin Galactic saranno alla guida di Unity durante il lancio. Entrambi hanno già volato nello spazio su Unity e sono:

  • Dave Mackay, capo pilota di Virgin Galactic, cresciuto negli altipiani della Scozia, è un ex pilota della Royal Air Force e ha volato per la compagnia di Branson Virgin Atlantic prima di unirsi a Virgin Galactic;
  • Michael Masucci è un colonnello in pensione della U.S. Air Force, che è entrato a far parte di Virgin Galactic nel 2013 e che ha accumulato oltre 9.000 ore di volo in 70 tipi diversi di aerei e alianti in oltre 30 anni di volo civile e militare.

Altri due piloti faranno volare l’aereo VMS Eve, che porterà SpaceShipTwo all’altitudine di lancio. Sono:

  • Frederick “CJ” Sturckow, ex comandante dello space shuttle della NASA, che si è unito a Virgin Galctic nel 2013 con Masucci. Colonnello in pensione dei Marines, è stato il primo astronauta della NASA ad unirsi alla compagnia e ha volato in 4 missioni dello space shuttle;
  • Kelly Latimer, pilota collaudatore e tenente colonnello in pensione della U.S. Air Force, si è unito al corpo aereo di Virgin Galactic nel 2015. È stato il primo pilota collaudatore donna ad entrare a far parte dell’attuale Armstrong Flight Research Center della NASA.

navetta virgin galactic turismo spaziale

L’obiettivo principale di Unity 22 è fare da test di volo per i futuri voli con passeggeri di Virgin Galactic. Come suggerito dal numero, questo sarà il 22° volo di Unity, ma solo il 4° a raggiungere lo spazio. La missione è un volo cruciale per Virgin Galactic, fondata da Branson nel 2004. VSS Unity è il secondo SpaceShipTwo della compagnia, dopo che il primo, VSS Enterprise, si è spezzato durante un test di volo del 2014, uccidendo un pilota e ferendone gravemente un altro. Virgin Galactic ha compiuto numerosi aggiornamenti di sicurezza per evitare incidenti simili in futuro.

Se tutto andrà secondo i piani, Branson dovrebbe realizzare il volo spaziale solo 9 giorni prima di un’altra compagnia, Blue Origin, che si propone di raggiungere il traguardo con il suo veicolo suborbitale New Shepard. A bordo del volo Blue Origin programmato il 20 luglio, insieme a un piccolo equipaggio, ci sarà anche Jeff Bezos, il miliardario fondatore di Amazon. Il prezzo per un posto sul mezzo Virgin Galactic si aggira sui 250mila dollari e più di 700 persone hanno versato un deposito, secondo quanto hanno affermato i rappresentanti della società. Blue Origin non ha ancora divulgato il suo prezzo per un posto, anche se un vincitore d’asta, finora anonimo, ha pagato 28 milioni di dollari per volare nello Spazio il 20 luglio con Bezos, suo fratello Mark e Wally Funk.

virgin galactic spazio
Credit: Virgin Galactic

Tecnicamente parlando, se i voli raggiungeranno effettivamente lo spazio dipende principalmente dalla definizione che si utilizza. I voli di SpaceShipTwo in genere raggiungono la zona al di sotto della linea di Kármán, il limite di altitudine (100km) riconosciuto da molte persone come il confine dello spazio: VSS Unity ha già effettuato 3 missioni-test con equipaggio raggiungendo l’altitudine di 80km, la linea di demarcazione riconosciuta dalla NASA, dalle forze armate statunitensi e dalla Federal Aviation Administration degli Stati Uniti.