Incidente aereo in Russia: ritrovati i corpi delle vittime in una zona remota dell’Estremo Oriente

Il relitto è stato individuato ieri sera, parte su una scogliera e parte in mare

MeteoWeb

Le squadre di soccorso hanno confermato di avere localizzato i corpi delle vittime dell’incidente aereo, verificatosi ieri, in una zona remota dell’Estremo Oriente russo.
L’Antonov An-26 con a bordo 28 persone si è schiantato vicino alla città di destinazione di Palana nella regione della Kamchatka, probabilmente durante le fasi di atterraggio, a causa del maltempo.
Il relitto è stato individuato ieri sera, parte su una scogliera e parte in mare. Le operazioni sono state sospese al calare della notte, fino a questa mattina, perché il luogo dell’incidente era molto impervio.
Il governatore della Kamchatka, Vladimir Solodov, ha riferito all’agenzia statale Tass che “i primi corpi sono stati estratti (dall’acqua)“, senza specificare numeri o fornire altre informazioni.
I media russi riportano che nessuno dei 6 membri dell’equipaggio o dei 22 passeggeri a bordo è sopravvissuto.