La castrazione consente di vivere sani e più a lungo: l’ultima scoperta scientifica sulla longevità maschile

Gli scienziati hanno scoperto che gli ormoni maschili accelerano l'invecchiamento: la castrazione, dunque, permette di vivere più a lungo

MeteoWeb

E’ ormai noto che le donne vivano in media più a lungo degli uomini, ma se qualcuno vi dicesse che c’è una cosa che si potrebbe fare per aumentare la durata della vostra vita, la fareste? In uno studio pubblicato su eLife , i ricercatori dell’Università di Otago insieme a collaboratori degli Stati Uniti, hanno dimostrato che la castrazione degli ovini maschi ritarda l’invecchiamento del DNA rispetto ai maschi ‘intatti’ e che guida anche le caratteristiche femminili del DNA e le etichette chimiche che lo compongono, nota come metilazione del DNA.

Sia gli agricoltori che gli scienziati sanno da tempo che le pecore maschio castrate vivono in media molto più a lungo delle loro controparti intatte; tuttavia, questa è la prima volta che qualcuno ha esaminato il DNA per vedere se invecchia anche più lentamente“, afferma il primo autore dello studio, la studentessa di dottorato di anatomia dell’Università di Otago, Victoria Sugrue. Per fare ciò, i ricercatori hanno prima dovuto generare un “orologio epigenetico” da un gran numero di pecore in modo da poter misurare l’invecchiamento del DNA. Hanno quindi esaminato l’orologio epigenetico dei maschi castrati e intatti e hanno scoperto che il loro ‘ticchettio’ è diverso; il che significa che la vita più lunga delle pecore castrate, o “wethers” come vengono chiamate dagli agricoltori, si riflette nel loro DNA. Alla base di questo studio c’è il rapido sviluppo di strumenti per studiare l’invecchiamento del DNA. Recentemente è diventato possibile stimare l’età degli esseri umani e di altri mammiferi utilizzando solo il DNA e gli orologi epigenetici. Come spiega l’inventore dell’orologio epigenetico e coautore dello studio, il professor Steve Horvath, dell’Università della California a Los Angeles, “Abbiamo sviluppato un modo per misurare l’età biologica in un’ampia gamma di mammiferi: finora abbiamo esaminato oltre 200 specie e scoperto una sorprendente comunanza in cui gli animali invecchiano. Ma lo studio sulle pecore è stato unico in quanto ha isolato in modo specifico gli effetti degli ormoni maschili. sull’invecchiamento”.

Credit: Dott. Tim Hore

Il dottor Tim Hore, co-leader del gruppo di ricerca e docente senior presso il Dipartimento di anatomia di Otago, afferma che i risultati dello studio forniscono nuove strade per comprendere il meccanismo dell’invecchiamento accelerato maschile. “Abbiamo scoperto che maschi e femmine hanno modelli molto diversi di invecchiamento del DNA nelle pecore e che, nonostante fossero maschi, i castrati (membri) avevano caratteristiche molto femminili in specifici siti del DNA. È interessante notare che i siti più colpiti dalla castrazione si legano anche ai recettori degli ormoni maschili nell’uomo a una velocità molto maggiore di quanto ci aspetteremmo per caso. Ciò fornisce un chiaro legame tra castrazione, ormoni maschili e differenze specifiche del sesso nell’invecchiamento del DNA”, dice il dottor Hore.

Per capire quali tessuti siano fortemente influenzati dai livelli ormonali, i ricercatori hanno esaminato gli effetti sessuali nei topi. Nei tessuti in cui si trovano i recettori ormonali maschili (ad es. pelle, reni e cervello) sono state osservate grandi differenze tra i modelli di DNA nei maschi e nelle femmine. Al contrario, i tessuti senza espressione del recettore dell’ormone maschile avevano lo stesso aspetto nei maschi e nelle femmine. “La maggior parte dei ricercatori usa il sangue per misurare l’età biologica, e lo abbiamo fatto anche per le pecore; tuttavia, non era il sangue ma la pelle dove abbiamo trovato effetti di invecchiamento specifici del sesso nel DNA delle pecore. E questo sembrava essere vero anche per il topo dove avevamo dati da molti tessuti e sia nei maschi che nelle femmine”, aggiunge il dott. Hore.

Oltre a stimolare un’ulteriore comprensione del ruolo degli ormoni sessuali maschili nell’accelerazione dell’invecchiamento, i ricercatori sperano che il loro lavoro abbia implicazioni più ampie. Essendo il primo orologio epigenetico per le pecore, è possibile che questo lavoro finisca per essere utilizzato per aiutare gli allevatori a determinare quali pecore vivranno più a lungo (e saranno più produttive), o identificare la carne che sostiene di essere succulenta agnello neozelandese, quando è davvero montone.

Il caso: Shrek

Probabilmente la pecora più famosa della Nuova Zelanda era “Shrek“, il merino dell’Otago centrale che ha eluso le adunate per 6 anni e di conseguenza è cresciuto un vello di 27 kg, ovvero parecchie volte più grande rispetto ad una pecora media. La scoperta di Shrek, e il successivo taglio del vello, è arrivata con grande interesse da parte dei media, viaggi nazionali e persino una visita agli iceberg offshore e al parlamento della Nuova Zelanda.

È stato a lungo ipotizzato che il segreto del vello di mammut e della successiva notorietà di Shrek fosse la sua astuta capacità di evitare la cattura e il fatto che potesse sopravvivere ai freddi inverni alpini riparandosi nelle caverne. Ma è altresì vero che Shrek era un maschio castrato e alla fine visse fino alla veneranda età di 16 anni. “Quando fu catturato Shrek aveva già 10 anni – più o meno l’età massima della pecora più longeva in un allevamento commerciale. Penso che almeno parte della fama di Shrek fosse semplicemente dovuta al fatto che ha vissuto così a lungo – qualcosa che quasi certamente non sarebbe successo se non fosse stato castrato“, dice il dottor Hore.