La Francia annuncia restrizioni per i non vaccinati, Bassetti: “guardiamo e impariamo”

Macron ha annunciato che chiunque voglia andare al ristorante, prendere un treno, andare a un concerto, dovrà mostrare il pass vaccinale

MeteoWeb

In Francia la decisione di imporre restrizioni ai non vaccinati ha comportato un vero e proprio un boom nelle prenotazioni per immunizzarsi: “Abbiamo registrato 20mila appuntamenti per minuto, un record assoluto dall’inizio della campagna ed è continuato durante la notte e in mattinata“, ha affermato Stanislas Niox-Chateau, a capo di Doctolib, il principale sito che si occupa delle prenotazioni. In totale, 926 mila persone si sono prenotate per ricevere il vaccino anti-Covid, di cui il 65%  è under 35.

Macron ieri sera ha annunciato che chiunque voglia uscire per andare al ristorante o in un locale, prendere un treno o fare compere in un centro commerciale, andare a un concerto, al cinema o a teatro, dovrà mostrare il pass vaccinale che dimostra la sua immunizzazione o un tampone negativo.

Gli ospedali si sono quasi completamente svuotati di pazienti Covid e le rianimazioni sono tornate a occuparsi di tutti gli altri malati. E mentre in Italia qualcuno che sembra vivere sulla luna propone nuove zone gialle o di altri colori più cupi, in Francia scatta l’obbligo vaccinale per i sanitari e da agosto non potrai più andare al ristorante, al bar, sul treno, sul pullman o al cinema e a teatro senza essere vaccinato o avere un tampone negativo. Dal 21 agosto vale per tutti quelli che hanno più di 12 anni. Guardiamo e impariamo,” ha scritto oggi in un post su Facebook Matteo Bassetti, direttore della Clinica Malattie Infettive dell’ospedale Policlinico San Martino di Genova. “Nel calcio siamo campioni d’Europa e nella gestione della pandemia e del green-pass? Non ci saremmo nemmeno qualificati,” ha concluso l’infettivologo.