La verità sull’Isola di Pasqua sfata il catastrofismo sui cambiamenti climatici: “fino ad oggi abbiamo sbagliato tutta la ricostruzione”

I modi in cui i popoli antichi affrontavano i cambiamenti climatici e ambientali, potrebbero avere molto da insegnarci sulla resilienza e sulla sostenibilità

MeteoWeb

Una nuova ricerca della Binghamton University State di New York suggerisce che il crollo demografico al centro del mito dell’Isola di Pasqua non è realmente accaduto. La storia più accredita, o almeno una versione di ess, è molto nota: sull’isola di Pasqua un antica popolazione decise di abbattere ogni albero, forse per fare campi per l’agricoltura o per erigere statue giganti per onorare i loro clan. Questa decisione portò a una catastrofe, con solo poche migliaia di persone rimaste a testimoniare lo sbarco delle prime imbarcazioni europee sulle loro coste remote nel 1722.

Ma questo crollo demografico alla base del mito dell’Isola di Pasqua è realmente avvenuto? La risposta, secondo una nuova ricerca degli antropologi della Binghamton University Robert DiNapoli e Carl Lipo, è no. La loro ricerca, secondo la quale “il calcolo bayesiano approssimativo del radiocarbonio e dei dati paleoambientali mostra la resilienza della popolazione su Rapa Nui (Isola di Pasqua)“, è stata recentemente pubblicata sulla rivista Nature Communications. I coautori includono Enrico Crema dell’Università di Cambridge, Timothy Rieth dell’International Archaeological Research Institute e Terry Hunt dell’Università dell’Arizona.

L’Isola di Pasqua, o Rapa Nui nella lingua madre, è stata a lungo al centro di studi su questioni relative al collasso ambientale. Ma per risolvere queste domande, i ricercatori devono prima ricostruire i livelli di popolazione dell’isola per accertare che effettivamente si sia verificato un tale crollo e, in caso affermativo, di che mole. “Per Rapa Nui, gran parte della discussione accademica e popolare sull’isola si è incentrata sull’idea che ci sia stato un crollo demografico e che sia correlato nel tempo con i cambiamenti climatici e i cambiamenti ambientali“, ha spiegato DiNapoli, un ricercatore associato post-dottorato in studi ambientali e antropologia.

Qualche tempo dopo che fu colonizzata tra il XII e il XIII secolo dC, l’isola un tempo boscosa fu spogliata degli alberi; molto spesso, gli studiosi indicano il disboscamento indotto dall’uomo per l’agricoltura e l’introduzione di specie invasive come i ratti. Questi cambiamenti ambientali, si sostiene, hanno ridotto la capacità di carico dell’isola e hanno portato a un declino demografico. Inoltre, intorno all’anno 1500, ci fu un cambiamento climatico nell’indice dell’oscillazione meridionale; quel cambiamento ha portato a un clima più secco su Rapa Nui.

Un argomento è che i cambiamenti nell’ambiente hanno avuto un impatto negativo. La ‘gente’ vede che c’è stata una siccità e dice: ‘Beh, la siccità ha causato questi cambiamenti’“, ha dichiarato Lipo, professore di antropologia e studi ambientali e decano associato della Harpur Università. “Ci sono stati cambiamenti. La popolazione cambia e l’ambiente cambia; nel tempo, le palme sono andate perse e alla fine il clima è diventato più secco. Ma quei cambiamenti spiegano davvero cosa stiamo vedendo nei dati sulla popolazione attraverso la datazione al radiocarbonio?”

Ricostruire i cambiamenti della popolazione

Gli archeologi hanno diversi modi per ricostruire le dimensioni della popolazione utilizzando svariate misure, come osservare le diverse età degli individui nei siti di sepoltura o contare i siti di antiche case. Quest’ultima misura può essere problematica perché fa ipotesi sul numero di persone che vivono in ogni casa e se le case sono state occupate contemporaneamente, ha spiegato DiNapoli. La tecnica più comune, tuttavia, utilizza la datazione al radiocarbonio per tracciare l’estensione dell’attività umana in un dato momento e estrapolando i cambiamenti della popolazione da quei dati. Ma le date al radiocarbonio possono essere incerte, ha riconosciuto DiNapoli.

Per la prima volta, DiNapoli e Lipo hanno presentato un metodo in grado sia di risolvere queste incertezze sia di mostrare come i cambiamenti nelle dimensioni della popolazione si relazionano alle variabili ambientali nel tempo. I metodi statistici standard non funzionano quando si tratta di collegare i dati del radiocarbonio ai cambiamenti ambientali e climatici e ai cambiamenti di popolazione ad essi collegati. Fare ciò implicherebbe la stima di una “funzione di verosimiglianza”, che è attualmente difficile da calcolare. Il calcolo bayesiano approssimativo, tuttavia, è una forma di modellazione statistica che non richiede una funzione di verosimiglianza e quindi offre ai ricercatori una soluzione alternativa, ha spiegato DiNapoli.

Usando questa tecnica, i ricercatori hanno determinato che l’isola ha registrato una crescita costante della popolazione dal suo insediamento iniziale fino al contatto europeo nel 1722. Dopo tale data, due modelli mostrano un possibile altopiano della popolazione, mentre altri due modelli mostrano un possibile declino.

In breve, non ci sono prove che gli isolani usassero le palme ormai scomparse per il cibo, un punto chiave di molti miti del crollo. La ricerca attuale mostra che la deforestazione è stata prolungata e non ha provocato un’erosione catastrofica; gli alberi furono infine sostituiti da giardini pacciamati con pietra che aumentarono la produttività agricola. Durante i periodi di siccità, le persone potrebbero aver fatto affidamento su infiltrazioni costiere d’acqua dolce.

La costruzione delle statue moai, considerate da alcuni un fattore contribuente al crollo, continuò in realtà anche dopo l’arrivo dell’Europa. In breve, l’isola non aveva mai avuto più di qualche migliaio di persone prima del contatto con l’Europa, e il loro numero stava aumentando invece di diminuire, come mostra la loro ricerca. “Quelle strategie di resilienza hanno avuto molto successo, nonostante il clima sia diventato più secco“, ha detto Lipo. “Sono davvero un buon caso per la resilienza e la sostenibilità.”

Seppellire il mito

Perché, allora, persiste la narrativa popolare del crollo dell’Isola di Pasqua? Probabilmente ha meno a che fare con l’antico popolo Rapa Nui che con noi stessi, ha spiegato Lipo. Il concetto che i cambiamenti nell’ambiente influenzino le popolazioni umane ha iniziato a decollare negli anni ’60. Nel corso del tempo, tale attenzione è diventata più intensa, poiché i ricercatori hanno iniziato a considerare i cambiamenti nell’ambiente come un motore primario di cambiamenti e trasformazioni culturali. Ma questa correlazione può derivare più dalle preoccupazioni moderne per l’inquinamento e dai cambiamenti climatici guidati dall’industrializzazione, invece che dalle prove archeologiche. I cambiamenti ambientali, sottolinea Lipo, si verificano su scale temporali diverse e in diverse grandezze. Il modo in cui le comunità umane rispondono a questi cambiamenti varia.

Prendiamo un classico esempio di sovrasfruttamento delle risorse: il crollo della pesca del merluzzo nel nord-est americano. Mentre le economie delle singole comunità potrebbero essere crollate, i maggiori sforzi di raccolta si sono semplicemente spostati dall’altra parte del mondo. Su un’isola isolata, tuttavia, la sostenibilità è una questione di sopravvivenza stessa della comunità e le risorse tendono ad essere gestite in modo conservativo. Un passo falso nella gestione delle risorse potrebbe portare a conseguenze tangibili e catastrofiche, come la fame. “Le conseguenze delle tue azioni sono immediatamente ovvie per te e per tutti gli altri intorno a te“, ha spiegato Lipo.

Lo studioso ha riconosciuto che i sostenitori della storia del crollo dell’Isola di Pasqua tendono a vederlo come un negazionista del cambiamento climatico, ma così non è. Ha avvertito però che i modi in cui i popoli antichi affrontavano i cambiamenti climatici e ambientali non riflettono necessariamente le attuali crisi globali e il loro impatto nel mondo moderno. In effetti, potrebbero avere molto da insegnarci sulla resilienza e sulla sostenibilità.

C’è una tendenza naturale a pensare che le persone in passato non fossero intelligenti come noi e che in qualche modo abbiano commesso tutti questi errori, ma in realtà è il contrario“, ha detto Lipo. “Hanno prodotto prole e il successo che ha creato il presente. Anche se le loro tecnologie potrebbero essere più semplici delle nostre, c’è così tanto da imparare sul contesto in cui sono stati in grado di sopravvivere“.