Le grandi inondazioni in Austria dal 1990: l’alluvione record del 2002 causò miliardi di danni

L'Austria non è nuova ad alluvioni ed eventi meteorologici estremi, come quelli che sta affrontando in queste ore: negli ultimi anni si sono raggiunti livelli record

MeteoWeb

Il maltempo che nei giorni scorsi ha colpito il centro Europa sta interessando anche l’Austria, con forti piogge che durante il fine settimana hanno provocato inondazioni in diversi stati federali. Ma non è la prima che l’Austria vive momenti simili, anzi, nel corso degli ultimi decenni è stata ripetutamente afflitta da enormi quantità d’acqua cadute dal cielo. Soprattutto nel luglio 1954, nell’agosto 2002 e nel giugno 2013, quando si ci verificò “l’alluvione del secolo” nel bacino idrografico del Danubio.

1991 – La peggiore alluvione dagli anni ’50: le condutture del Salzach, dell’Inn e dell’Enns verso la regione del Danubio straripano dagli argini. Parti della Bassa Austria furono completamente allagate e numerose cantine e strade nell’area di Neunkirchen e Wiener Neustadt sono allagate. Tra il 31 luglio e il 5 agosto, sei persone sono state uccise nelle zone colpite e sono stati distrutti i raccolti su circa 6.000 ettari di seminativo; circa l’80 percento della piccola selvaggina esistente e il 50 percento dei cervi rossi uccisi. Il valore dei fallimenti colturali per cereali, ortaggi e frutta ammonta a circa 21,8 milioni di euro, il danno totale (anche a fabbricati, strutture bancarie e merci) è di circa 72,7 milioni di euro.

1994 – A luglio, i temporali colpiscono l’est dell’Austria, causando danni per milioni di persone. Con 45 litri/mq, a Wiener Hohen Warte si registra più della metà delle precipitazioni medie mensili entro tre ore. Le precipitazioni sul Bisamberg hanno effetti particolarmente disastrosi: masse di terra dilavate dalla pioggia danneggiano cantine, intere strade e auto parcheggiate lì, un uomo viene investito e ucciso dalle masse d’acqua. Inondazioni si verificano anche nelle comunità vicine della Bassa Austria: a Wolkersdorf, il centro del villaggio assomiglia a un grande lago di fango; a Fischamend la B9 è allagata.

1997 – Dal 4 all’8 luglio l’Austria è colpita dalla “grande pioggia”. Numerose cantine sono sott’acqua a Vienna. Nell’Alta Austria, i distretti di Steyr, Schärding, Grieskirchen, Ried im Innkreis e Gmunden sono i più colpiti. Con le piogge persistenti si dissolvono numerose colate di fango. Nella Bassa Austria, la B3 tra Stockerau e Tulln è allagata per circa un chilometro fino a 15 centimetri di altezza. Nel centro di Purkersdorf le inondazioni strappano un ponte. Un pensionato annega nel Gablitzbach. Gran parte della città di Baden sono allagate, così come il distretto governativo di Sankt Pölten. L’intero distretto di Lilienfeld è isolato.

2002 – Ad agosto, l’alluvione del secolo in Austria ha causato danni per diversi miliardi di euro. Nove persone hanno perso la vita. Nella Bassa Austria sono principalmente colpiti il ​​Waldviertel e le regioni lungo il Danubio, con il centro assoluto del danno essendo il corso inferiore e la foce del Kamp. Nell’Alta Austria colpisce il Machland e il bacino di Eferdinger, molti altri centri di danno sono sparsi in tutto lo stato. In Stiria c’è un evento alluvionale locale con un focus sul distretto di Liezen, in Tirolo un evento su piccola scala con il centro a St. Johann. Anche il Salisburgo è colpito.

2005 – L’11 luglio, la pioggia continua ha causato gravi danni, soprattutto a Salisburgo: il più colpito è Mittersill nella regione del Pinzgau. L’intero posto è allagato, anche l’ospedale deve essere evacuato.

2005 – Forti temporali colpiscono l’Austria il 22 agosto: in Stiria, una donna di 50 anni muore in una frana di fango nel comune di Gasen. Il giorno dopo, i livelli nell’Austria occidentale aumentano drammaticamente. Il traffico ferroviario nel Vorarlberg è completamente fermo, i collegamenti tra il Tirolo e il Vorarlberg devono essere chiusi. Un operaio muore sotto una valanga di pietre nell’Ötztal tirolese e due persone sono disperse nel Vorarlberg.

2006 – In primavera si svolgono scene drammatiche nella Bassa Austria. Il 3 aprile, la diga di March si rompe nei pressi di Jedenspeigen (distretto di Gänserndorf). Le masse d’acqua provocano inondazioni a Dürnkrut e metà della comunità deve essere evacuata. La situazione precipita da giorni. Le piogge e lo scioglimento della neve avevano precedentemente causato l’innalzamento del livello dell’acqua del Danubio e della maggior parte delle acque stagnanti nel Weinviertel e nel Waldviertel. Il Thaya tracima le sue sponde in molti luoghi nei distretti di Waidhofen ad Thaya e Horn. Sale anche il livello del Kamp.

2006 – Alla fine di giugno, precipitazioni estreme portano a un’altra situazione di piena estrema nel Waldviertel settentrionale. Il livello del Thaya sale in modo inaspettato. Particolarmente colpite sono Raabs ad Thaya, dove la piazza principale è sommersa dall’acqua e le case vengono distrutte.

2007 – Tanta pioggia in poco tempo come al solito in tutto il mese causa enormi problemi a settembre. A Steyr sull’Enns, a Klosterneuburg il Danubio straripa. Lilienfeld viene dichiarata zona disastrata.

2009 – Alla fine di giugno e all’inizio di luglio, le precipitazioni provocano inondazioni nell’est e nel sud-est. Bassa Austria, Stiria e Burgenland. In alcuni casi, le quantità di pioggia hanno raggiunto nuovi record.

2012 – Le forti piogge, grandine e temporali a luglio, soprattutto nell’Alta Stiria, causano gravi devastazioni a causa di frane e inondazioni. Il centro di St. Lorenzen im Paltental nel distretto di Liezen è colpito da una frana di fango alta un metro, decine di persone devono lasciare le loro case, alcune con un ponte aereo. A Thörl (distretto di Bruck/Mur) un pedone di 47 anni muore sotto una frana.

2013 – All’inizio di giugno, il versante nord delle Alpi è stato colpito da un’ondata di piena a causa di piogge persistenti. Mentre inizialmente colpisce Vorarlberg, Tiroler Unterland e Salisburgo , le maree si spostano poi verso est. Il Danubio e l’Enns straripano nell’Alta Austria, mentre i muri di protezione dell’Austria Inferiore, dove esistono, sono all’altezza delle esigenze. I primi segni di rilassamento sono evidenti solo dopo pochi giorni. I danni restano molto inferiori a quelli del 2002, ma ammontano comunque a centinaia di milioni di euro.

2018 – Il distretto di Lienz è temporaneamente inaccessibile su strada alla fine di ottobre a causa di temporali e forti piogge. La situazione era simile anche in numerose città più piccole: ad Arnbach, nel comune di Sillian, il livello della Drava supera la soglia dei cento anni. Ma la Drava non trabocca dagli argini. Anche in Carinzia diverse località sono isolate dall’ambiente a causa del maltempo e dei danni provocati dalle inondazioni.