Si vaccina a 22 anni per andare in vacanza in Grecia ma muore poche ore dopo: Francia sotto shock per Maxime Beltra. Il padre: “criminali corrotti, il volto di mio figlio sia bandiera della libertà di vivere, di pensare e di ribellarsi”

Francia sotto shock per la morte improvvisa di Maxime Beltra, giovane di 22 anni deceduto poche ore dopo la vaccinazione fatta per poter andare in vacanza. Il drammatico video del padre: "ribelliamoci tutti contro questi criminali, il volto di mio figlio sia la bandiera della libertà"

MeteoWeb

Maxime Beltra è un giovane francese di 22 anni deceduto lunedì 26 luglio poche ore dopo aver ricevuto la seconda dose del vaccino anti Covid di Pfizer a Sète, città costiera dell’Occitania situata nei pressi di Montpellier. L’inoculazione nel pomeriggio, il decesso improvviso alle 23:00 della stessa sera per uno “shock allergico” secondo quanto spiegato dai primi soccorritori. Le autorità hanno aperto un’inchiesta e segnalato il caso all’ANSM, l’agenzia nazionale francese per la sicurezza dei medicinali.

Maxime Beltra era sano, senza patologie, e aveva scelto di vaccinarsi per poter andare in vacanza in Grecia con un suo amico. Il padre Frédéric Beltra ha pubblicato su facebook un video di tre minuti e mezzo mostrando il Green Pass ottenuto dal ragazzo: “sono pazzo di rabbia” dice il padre che accusa il vaccino e parla di “criminali corrotti” riferendosi ai politici che stanno ponendo limitazioni ai non vaccinati. In modo particolare, Frédéric Beltra ha detto: “è criminale mettere sul mercato vaccini non certificati che non sono stati verificati e che uccidono giovani di 22 anni in ottima forma a fronte di un virus che uccide meno dell’1% della popolazione e nessun giovane. Pubblico la sua foto affinchè possa il suo volto andare in tutto il mondo ed essere la bandiera della libertà di vivere, di pensare e di ribellarsi”.

La Francia, nonostante il Green Pass imposto dal presidente Macron per molte attività sociali come bar e ristoranti, è il Paese con il più basso numero di vaccinati tra i principali stati europei: soltanto il 59% dell’intera popolazione francese ha ricevuto almeno la prima dose, un dato molto più basso rispetto a Germania (61%), Italia, Svezia e Norvegia (63%), Irlanda (66%), Spagna (67%), Regno Unito, Paesi Bassi e Belgio (69%), Danimarca (72%) e Islanda (78%). La Francia è stato anche il Paese con le più feroci e partecipate contestazioni all’introduzione del Green Pass.