Proteste in Francia, migliaia in piazza a Parigi e in molte altre città contro vaccini e green pass: “no alla dittatura sanitaria” – FOTO

Altra giornata di manifestazioni di protesta contro l'obbligo vaccinale e il green pass in molte città francesi: migliaia di persone contro la "dittatura sanitaria"

  • Foto di Yoan Valat / Ansa
    Foto di Yoan Valat / Ansa
  • Foto di Yoan Valat / Ansa
    Foto di Yoan Valat / Ansa
  • Foto di Yoan Valat / Ansa
    Foto di Yoan Valat / Ansa
  • Foto di Yoan Valat / Ansa
    Foto di Yoan Valat / Ansa
  • Foto di Yoan Valat / Ansa
    Foto di Yoan Valat / Ansa
  • Foto di Yoan Valat / Ansa
    Foto di Yoan Valat / Ansa
  • Foto di Yoan Valat / Ansa
    Foto di Yoan Valat / Ansa
  • Foto di Yoan Valat / Ansa
    Foto di Yoan Valat / Ansa
  • Foto di Yoan Valat / Ansa
    Foto di Yoan Valat / Ansa
  • Foto di Yoan Valat / Ansa
    Foto di Yoan Valat / Ansa
  • Foto di Yoan Valat / Ansa
    Foto di Yoan Valat / Ansa
  • Foto di Yoan Valat / Ansa
    Foto di Yoan Valat / Ansa
/
MeteoWeb

Migliaia di francesi non hanno preso affatto bene l’idea del Presidente Emmanuel Macron di rendere obbligatori i vaccini anti-Covid per il personale sanitario e la richiesta del green pass per accedere a diversi locali pubblici. E così oggi è stata un’altra giornata caratterizzata dalle manifestazioni di protesta in molte città francesi (vedi foto della gallery scorrevole in alto).

Diverse migliaia di persone sono scese in strada oggi pomeriggio in almeno tre manifestazioni a Parigi contro la vaccinazione, la “dittatura” o il pass sanitario. Un primo corteo, composto da poche migliaia di persone, e’ partito dal Palais-Royal prima di attraversare la Senna gridando “Liberta'”, “No alla dittatura sanitaria” o “Macron dimissioni“. Allo stesso tempo, circa 1.500 persone hanno manifestato per le strade del sud della capitale, in un corteo accompagnato da striscioni come “wanted Repubblica Democratica Francese, scomparsa il 12 luglio 2021”, “no al pass sanitario, stop alla dittatura”, e gli slogan “Liberta'”, “Macron dittatore”. Infine, alcune decine di persone hanno preso parte a un altro raduno non autorizzato a Place de la Republique.

Ma le manifestazioni non si limitano alla capitale. Circa 400 persone hanno marciato in mattinata a Quimper, 1.200 a Perpignan, 1.700 a Clermont-Ferrand, 2.300 a Valence (dipartimento di Drome). A Digione, la polizia ha usato gas lacrimogeni e la circolazione dei tram e’ stata brevemente interrotta dai manifestanti che cantavano “Liberta’! Liberta’!”. Sono stati annunciati cortei nel pomeriggio anche in altre citta’, come Montpellier o Lione.