Misterioso spiaggiamento di granchi in California: spiegato l’enigma ‘rosso’ delle spiagge americane

Nuove scoperte suggeriscono che le correnti oceaniche anomale causano la comparsa occasionale di granchi rossi pelagici al di fuori del loro areale nativo

MeteoWeb

Per decenni, ci si è chiesti perché i granchi rossi pelagici, chiamati anche granchi di tonno, a volte si arenano a terra a milioni sulla costa occidentale degli Stati Uniti. Una nuova ricerca mostra che le correnti atipiche, piuttosto che le temperature anormali, probabilmente li portano su dal loro habitat al largo della Bassa California.

Oltre alla scoperta, gli scienziati hanno anche creato un indice di flusso dell’acqua di mare che potrebbe aiutare ricercatori e manager a rilevare anni correnti anomali.

Il nuovo studio, pubblicato il 1 luglio su Limnology and Oceanography , è iniziato dopo che l’autore principale Megan Cimino ha superato in bicicletta un granchio rosso pelagico spiaggiato mentre si dirigeva verso il suo ufficio a Monterey nel 2018. Cimino, oceanografo biologico presso la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) e UC Santa Cruz attraverso l’Institute of Marine Sciences Fisheries Collaborative Program, aveva assistito a un diverso spiaggiamento vicino a dove era cresciuta, nel sud della California, alcuni anni prima. “A quel tempo, non avevo idea di cosa fosse un granchio rosso, cosa stava succedendo, perché sarebbero stati lì”, ha detto. “Ma era molto chiaro che stava succedendo qualcosa di diverso nell’oceano, qualcosa di insolito“.

Ha posto la domanda ai suoi colleghi e il laboratorio ha deciso di immergersi nel meccanismo dietro le apparenze apparentemente casuali. Il gruppo ha trascorso mesi a raccogliere dati sui granchi e sulla loro gamma registrata. Hanno setacciato sondaggi di ricerca oceanografica, dati video da veicoli telecomandati, programmi scientifici per cittadini e persino media online, come Twitter. L’integrazione dei diversi tipi di dati si è rivelata difficile, ma alla fine il team ha avuto un’idea chiara della gamma e degli spiaggiamenti della specie dal 1950 al 2019.

Confrontando questi dati con le condizioni oceaniche come la temperatura e i movimenti attuali, gli scienziati hanno scoperto che la comparsa di granchi rossi al di fuori del loro range normale era correlata alla quantità di acqua di mare che scorre dalla Baja California alla California centrale. La scoperta supporta le forti correnti come indicatore chiave della presenza dei granchi rispetto all’altra ipotesi principale: l’acqua calda portata dalle ondate di calore marine e dagli eventi di El Niño causa le apparizioni.

Per studiare le correnti, i ricercatori hanno utilizzato un modello oceanico regionale del California Current System, sviluppato dai ricercatori del gruppo di modellazione oceanica della UC Santa Cruz. “Quello che stai facendo è mettere un tracciante – potresti pensarlo come un colorante – in una particolare parte dell’oceano e poi eseguire il modello indietro nel tempo per vedere da dove viene”, ha detto Michael Jacox, un oceanografo fisico con doppia affiliazione con NOAA e UC Santa Cruz. Sulla base di questi esperimenti con traccianti, il team ha creato l'”indice dell’acqua della sorgente meridionale” (SSWI), che mostra quanta acqua al largo della costa della California centrale proviene dal sud del confine tra Stati Uniti e Messico. “È quel percorso d’acqua che fa emergere alcune di queste specie insolite“, ha detto Ryan Rykaczewski, oceanografo della pesca presso la NOAA e l’Università delle Hawaii a Mānoa. “Non sono solo i granchi rossi pelagici, anche se potrebbero essere le specie più cospicue che vediamo sulla costa”.

I granchi rossi attirano l’interesse del pubblico e fungono da importante fonte di cibo per molte altre specie. Questi fattori li hanno resi un buon soggetto di studio, ma non sono gli unici esseri viventi ad essere ‘condotti’ dalle correnti. Rappresentano un fenomeno più ampio che i ricercatori possono utilizzare SSWI per comprendere meglio. “L’indice potrebbe essere usato come una sorta di sistema di allerta precoce su quale sia lo stato dell’oceano quell’anno e se ci aspetteremo specie meridionali nelle regioni settentrionali”, ha affermato Cimino. “Ciò può aiutarci a pianificare e gestire e dare aspettative per catture accessorie o diverse attività di pesca”.

Poiché il cambiamento climatico aumenta la variabilità delle condizioni oceaniche, le posizioni delle specie inizieranno a cambiare. Sapere dove cercare particolari organismi aiuta i ricercatori a fare osservazioni e stime della popolazione più accurate. “Possiamo tornare indietro e guardare a quell’indice di acqua di fonte e usarlo forse come strumento predittivo di come cambierà la composizione delle specie costiere“, ha detto Rykaczewski. “E questo potrebbe aiutarci con la gestione dell’ecosistema”.

Il modo in cui le correnti cambiano è un pezzo del puzzle spesso trascurato quando si tratta di comprendere il cambiamento climatico. Gli scienziati stanno ora testando se l’indice dell’acqua della sorgente meridionale è sensibile ad esso. “Pensiamo molto ai cambiamenti in cose come la temperatura e l’ossigeno, ma anche i cambiamenti nel contributo delle acque provenienti da diverse località nel più ampio Pacifico settentrionale sono molto importanti per comprendere i cambiamenti climatici”, ha affermato Rykaczewski.

Il movimento dei granchi rossi pelagici fornisce solo un esempio delle applicazioni pratiche di tali studi. “Penso che sia davvero, davvero importante che quando pensiamo ai cambiamenti climatici, non pensiamo solo a ‘la temperatura calda equivale a una certa risposta’, e cerchiamo davvero di scavare nei meccanismi”, ha detto Jacox. Con il caso di studio dei granchi rossi e la creazione dell’indice dell’acqua della sorgente meridionale, i ricercatori ora hanno un altro strumento per farlo.