Previsioni Meteo: conferme su un brusco peggioramento del tempo su gran parte d’Italia a metà mese

Previsioni meteo: possibile battuta d'arresto dell'estate nel corso della prossima settimana con temperature nella media e rischio di forti temporali

MeteoWeb

Dalle previsioni meteo non si vedono grossi cambiamenti sull’Italia,  in riferimento soprattutto alle opportunità per precipitazioni più estese sul territorio, almeno per un’altra settimana. Magari si assisterà certamente, a iniziare il prossimo weekend, a un certo cedimento del promontorio anticiclonico nordafricano, con cessazione della calura importante e  ritorno di temperature più o meno in linea con quelle tipiche del periodo o soltanto di poco superiori. Nel frattempo, si continueranno a vedere fasi di instabilità, anche di un certo rilievo,  su diverse aree del Nord,  specie alpine, prealpine e sulle pianure a esse più vicine, per l’influenza di correnti sud-occidentali, correnti che, però, si mostreranno pressoché innocue sul resto del paese, con protrazione della fase siccitosa.

Le simulazioni dei modelli matematici, e di più quelle del modello europeo ECMWF, però, continuano a proporre, un po’ sul più lungo termine, un cambiamento più significativo nella circolazione a scala euro-atlantica. Infatti, secondo le previsioni meteo elaborate proprio sulla base degli ultimissimi dati, a partire dal 12/13 luglio, un cavo depressionario nord-atlantico punterebbe con asse proprio il  Mediterraneo centrale, introducendo progressivamente correnti umide e instabili oceaniche verso i nostri settori. Proprio intorno a metà mese, poi, lo stesso modello europeo,  ipotizza l’ingresso verso il Nord Mediterraneo anche di un nucleo instabile in quota potenzialmente capace di attivare un’area depressionaria tra la Francia e le regioni settentrionali. Ancora abbastanza lontane queste dinamiche, ma se dovessero trovare compimento, certamente sull’Italia avverrebbe un peggioramento del tempo piuttosto significativo, con rovesci diffusi, probabilmente anche forti sulle regioni settentrionali e rischio di temporali più estesi anche sulle regioni centro-meridionali, specie aree appenniniche. E’ da qualche giorno che il long range del modello europeo propone un assalto nord-atlantico importante verso il Mediterraneo centrale, assalto che naturalmente comporterebbe una drastica rottura dell’estate. La redazione di Meteoweb, continuerà a monitorare questa possibile svolta significativa dal tempo verso metà mese, attraverso periodici aggiornamenti.