La stagione degli uragani atlantici 2021 è già fuori dalla norma: la 5ª tempesta con nome diventa l’uragano Elsa, allerta ai Caraibi

Elsa è diventato il primo uragano della stagione degli uragani atlantici 2021: Caraibi in allerta, ma la tempesta potrebbe raggiungere anche la Florida

  • Credit: CIRA at Colorado State/GOES-East
    Credit: CIRA at Colorado State/GOES-East
/
MeteoWeb

Elsa è diventato il primo uragano della stagione degli uragani atlantici 2021 oggi, un giorno dopo essere diventata la quinta tempesta della stagione. La tempesta si è rafforzata in un uragano a ovest dell’isola caraibica di Barbados. Quando Elsa ha ricevuto il suo nome la mattina dell’1 luglio, ha battuto la tempesta tropicale Edouard del 2020 per il titolo di tempesta più precoce a formarsi nell’Atlantico (Edouard si era formata il 6 luglio 2020).

Elsa si sta muovendo verso ovest-nordovest a 45km/h, a circa 30km dalle Barbados, con venti massimi di 120km/h. Il sistema dovrebbe continuare nella sua rotta verso ovest-nordovest sui Caraibi e dovrebbe mantenere l’intensità da uragano quando si avvicinerà alla Giamaica nel corso del weekend. Alle Barbados, a Saint Vincent, alle Grenadine e a Santa Lucia, sono in vigore allerte per uragano. Alle Barbados, sono già state riportate raffiche fino a 138km/h. Nella prossima notte, sono attesi quantitativi totali di 50-100mm di pioggia nelle Isole Sopravento. Raffiche di vento di 100-110km/h si verificheranno vicino alla rotta della tempesta, probabilmente su Barbados, Saint Vincent e Santa Lucia. Sono previsti anche blackout e alluvioni lampo.

La rotta della tempesta porterà Elsa molto vicino alle isole di Hispaniola, Giamaica e Cuba nel corso del weekend, con la probabilità di effetti più importanti e distruttivi su queste isole (vedi mappe della gallery scorrevole in alto). Se Elsa riuscisse a scivolare a sud di queste isole caraibiche ed entrare indenne nel Golfo del Messico, potrebbe evolvere in un potente uragano, che potrebbe impattare sugli USA. Una traiettoria nel Golfo del Messico sembra la più probabile al momento. Tuttavia, Elsa potrebbe anche passare sulla Florida o appena ad est. I residenti degli USA sudorientali sono in allerta per i potenziali impatti dell’uragano.

Il ritmo record che la questa stagione sta sperimentando finora ricorda l’iperattiva stagione degli uragani atlantici del 2020, che ha prodotto più tempeste (30 tempeste a cui è stato assegnato un nome) rispetto a qualsiasi altra stagione registrata. Gli Stati Uniti hanno subito i landfall di 11 tempeste in una stagione, un record. Il peggio lo ha subito la Louisiana, con 5 tempeste con nome che hanno toccato terra nello stato.

Il sistema che è diventato Elsa fa parte di una lunga serie di caratteristiche simili che si muovono dall’Africa verso ovest nell’Atlantico. Sotto le giuste condizioni atmosferiche, una piccola parte di queste onde tropicali si rafforza in depressioni tropicali, tempeste tropicali e uragani.

Si prevede che la stagione 2021 abbia un numero di tempeste con nome simile a quello del 2020. Ma secondo i meteorologi, avere un significativo numero di perturbazioni tropicali che si originano dall’Africa così presto è fonte di preoccupazione. Solitamente, il primo forte candidato per un sistema tropicale da quest’area emerge ad agosto e non a fine giugno-inizio luglio. La formazione di un 1-2 sistemi tropicali non è insolita a fine giugno, ma in media la seconda tempesta con nome arriva a inizio agosto, secondo il National Hurricane Center (NHC) degli Stati Uniti. Avere 5 di questi sistemi a inizio luglio stabilisce un nuovo record. La data media per la formazione della quinta tempesta è il 31 agosto.

La stagione degli uragani atlantici 2020 è stata la più ricca mai registrata, tanto da richiedere l’utilizzo dell’alfabeto greco. È stata solo la seconda volta in cui l’NHC ha dovuto far ricorso alle lettere greche per assegnare i nomi alle tempeste, oltre alla lista di nomi originale