Terremoto nell’Adriatico, scossa al largo di Ravenna: paura da Trieste ad Ancona, avvertita in Emilia Romagna e Veneto

Una scossa di terremoto si è verificata nell'Adriatico, davanti alla città di Ravenna: ampiamente avvertita lungo la costa adriatica

/
MeteoWeb

Una scossa di terremoto si è verificata nell’Adriatico al largo della foce del Po, davanti alla città di Ravenna. La scossa è stata avvertita in ampie zone della costa adriatica, da Trieste fino ad Ancona, passando per il Veneto. Il terremoto ha avuto magnitudo 4.1 ed è avvenuto alle ore 12:56 a 31km di profondità.

Nella gallery scorrevole in alto, le mappe relative all’evento.

“Il terremoto è stato localizzato ad una profondità di circa 30 km in un’area dove la sismicità non è molto frequente, come dimostra la mappa dei terremoti dal1985 ad oggi. Si notano comunque diversi eventi sismici di magnitudo compresa tra 3.0 e 3.9 che circondano l’epicentro del terremoto di oggi, alcuni di questi hanno profondità ipocentrali sempre intorno ai 30 km. Guardando il Catalogo Parametrico dei Terremoti Italiani (CPTI15), nell’area non sono presenti terremoti significativi in passato, tranne che nella parte sud verso la costa del riminese dove abbiamo alcuni eventi di magnitudo stimata tra 5.0 e 5.4.”, spiega l’INGV.

“La mappa di scuotimento calcolata dai dati delle reti sismiche e accelerometriche INGV e DPC mostra dei livelli di scuotimento fino al III-IV grado MCS, in particolare sulle coste del ravennate”.

“Il terremoto è stato risentito in alcune località costiere dell’Emilia Romagna e della parte settentrionale delle Marche.  Come si evince dai dati raccolti dal questionario di “Hai sentito il terremoto?”, con effetti stimati, al momento, fino al III grado MCS. La mappa aggiornata è disponibile sul sito di “Hai sentito il terremoto?”. Fino alle ore 14:15 italiane non sono state registrate repliche nell’area”, conclude l’INGV.