Una nuova era di viaggi e viaggiatori spaziali inaugurata da due miliardari: così è cambiato il mestiere dell’astronauta

Due miliardari protagonisti di storici voli suborbitali: cosa significa per gli astronauti e per tutti noi la nuova era del turismo spaziale

MeteoWeb

Forse per la prima volta, gli esseri umani all’interno di un veicolo spaziale – in senso strettamente economico – varranno più del veicolo stesso, perché due miliardari sono protagonisti questo mese di storici voli spaziali suborbitali che segnano un drastico cambiamento in ciò che è necessario per diventare un astronauta.

Ieri il magnate britannico Richard Branson era nella cabina dell’aereo spaziale VSS Unity, insieme a tre dipendenti della sua compagnia di turismo spaziale Virgin Galactic. Poco più di una settimana dopo, il 20 luglio, in una mossa programmata in concomitanza con il 52° anniversario del primo sbarco degli americani sulla Luna, il fondatore di Amazon Jeff Bezos salirà a bordo di una capsula New Shepard come passeggero del primo volo con equipaggio della sua azienda, Blue Origin.

In entrambi i casi si tratta di voli di breve durata: ogni miliardario si sgancerà dalle grinfie della gravità per una manciata di minuti.
Considerati globalmente, però, i due voli nello Spazio suborbitale potrebbero inaugurare una nuova era di viaggi spaziali e di viaggiatori spaziali.

Penso che la definizione di ‘astronauta’ sia di nuovo in gioco in questo momento,” ha dichiarato a Space.com Jordan Bimm, storico dello Spazio presso l’Università di Chicago e il National Air and Space Museum della Smithsonian Institution. “Ciò che non cambia è che lo Spazio rimane incredibilmente d’élite. E’ solo un percorso diverso“.

Un lento viaggio verso lo Spazio

Per entrambi i suddetti miliardari, il percorso verso lo Spazio è iniziato più di un decennio fa, quando hanno creato una società finalizzata al volo spaziale.
Branson ha fondato Virgin Galactic nel 2004 e la società si è sempre concentrata sui voli passeggeri suborbitali di un aereo spaziale pilotato, lanciato da un aereo più grande. Il primo volo commerciale era originariamente previsto per il 2008, ma la compagnia ha dovuto affrontare una serie di ritardi, incluso un incidente mortale nel 2014.

Virgin Galactic ha fatto volare il suo primo passeggero, l’istruttore capo astronauta della compagnia Beth Moses, solo nel 2019. Da allora, i piani della compagnia per il lancio di una cabina completa di passeggeri hanno nuovamente subito ritardi. Branson però non ha esitato a pianificare di essere sul primo viaggio operativo di Virgin Galactic, dicendo già nel 2013 che intendeva essere a bordo.

Bezos ha tenuto per sé le sue intenzioni di volo, anche se ha raccontato pubblicamente di avere visto l’atterraggio sulla Luna dell’Apollo nel 1969 e di voler visitare lo Spazio di persona. Ha fondato Blue Origin nel 2000 e la visione dell’azienda è iniziata con lanci verticali, su un razzo riutilizzabile, nello Spazio suborbitale.
Blue Origin sognava di lanciare voli commerciali suborbitali forse già nel 2010, ma si è fermato a 15 lanci senza equipaggio, incluso uno durante il quale i dipendenti dell’azienda hanno provato a entrare e uscire dalla capsula ma non erano a bordo durante il volo.

Sebbene Branson e Bezos siano i primi ad aver finanziato il veicolo su cui volare, non sono stati i primi a comprarsi la strada verso Spazio. Sette passeggeri si sono recati alla Stazione Spaziale Internazionale a bordo delle capsule russe Soyuz negli anni 2000 su voli prenotati tramite Space Adventures, una compagnia di turismo spaziale con sede in Virginia. I viaggi, costati decine di milioni di dollari, includevano un soggiorno di una settimana nel laboratorio orbitante.

Le brevi gite suborbitali di Branson e Bezos sono molto diverse, ma devono fare i conti con un po’ di confusione che già circondava quei voli turistici, su chi diventa un astronauta e cosa fa un astronauta.

Chi sono gli astronauti?

La nostra idea di astronauta inizia con il volo spaziale umano stesso, nell’era della corsa allo Spazio americano-sovietica alla fine degli anni ’50.
Quando gli Stati Uniti hanno dato il via al programma, i leader hanno preso in considerazione alcuni modelli diversi di astronauti. Quando l’Air Force è stata brevemente in carica, ha preso in considerazione l’invio di impiegati in orbita, ha detto Bimm, e anche la NASA ha aperto brevemente le candidature per astronauti a tutti, secondo Matthew Hersch, storico spaziale dell’Università di Harvard, prima di limitare il ruolo agli aviatori militari.

In quel primo gruppo di selezioni di astronauti, la NASA ha dovuto affrontare la realtà: non sapeva quali caratteristiche avrebbero reso queste figure astronauti di successo.

Uno degli sporchi piccoli segreti della selezione del Progetto Mercury è che gli esami che sono stati intrapresi sui potenziali astronauti sono stati inventati proprio per quella selezione,” ha detto Hersch. “Soprattutto, lo scopo era di testare la volontà delle persone di sopportare un sacco di sciocchezze per diventare un astronauta“.

Una volta selezionato, quel primo gruppo di piloti collaudatori trasformati in astronauti si è trovato, con l’aiuto della NASA, con il potere di plasmare la percezione americana del volo spaziale, ed hanno usato quel potere per aggrapparsi alla posizione, ha detto Hersch, “riconoscendo che se chiunque può essere un astronauta, essere un astronauta non significa più nulla” e temendo che il pubblico si rendesse conto che gli astronauti “erano stati abbastanza fortunati essere selezionati, ma non erano particolarmente speciali“.

Come parte dello sforzo per mantenere la loro posizione, i primi astronauti hanno combattuto per dare ai piloti un maggiore controllo del veicolo spaziale, piuttosto che sfruttare le opportunità offerte dall’automazione. “Avere persone comuni che volano nello Spazio era completamente impensabile e gli astronauti erano inorriditi al pensiero che le future versioni dei veicoli spaziali umani negli Stati Uniti potessero essere così completamente automatizzate che il pilota non avrebbe avuto davvero nulla da fare,” ha spiegato Hersch.

Prendendo il background militare, aggiungendo il ruolo attivo del volo spaziale su cui hanno insistito, considerando l’attenta strategia di gestione dei media della NASA, si ottiene la ricetta dell’astronauta: una visione di un mondo con i piedi per terra ma spavaldo, mitizzato, da borghese americano trionfante di fronte alla possibilità di morire.

Forse non è una coincidenza che la corsa allo Spazio della Guerra Fredda abbia favorito una visione così potente dell’astronauta, dal momento che l’intero sforzo riguardava la percezione, secondo Teasel Muir-Harmony, storico dello Spazio e curatore del National Air and Space Museum della Smithsonian Institution.
Una delle parti essenziali della prima corsa allo Spazio era questa idea che mandare umani sulla Luna o stabilire quel tipo di obiettivo avrebbe conquistato i cuori e le menti del mondo, e che questo era essenziale per il potere geopolitico“, ha spiegato. “Il pubblico era un pezzo essenziale di quel puzzle“.

Decollano nuovi tipi di astronauti

Il volo spaziale di oggi non è del tutto fermo agli anni ’60. Alla fine delle missioni lunari Apollo nel 1972, il programma degli astronauti stava iniziando a spostare la sua attenzione sulla scienza, tanto che la NASA ha inviato un geologo sulla Luna durante il volo finale.

Poiché l’agenzia ha dato la priorità ai voli spaziali di lunga durata in orbita terrestre bassa rispetto all’esplorazione, la NASA ha continuato ad ampliare il ruolo di astronauta, reclutando una serie di scienziati per unirsi agli aviatori. Il programma dello Space Shuttle che ha volato dal 1981 al 2011, in particolare, ha consentito a persone con un addestramento minimo di volare e ampliato la percezione di chi potrebbe raggiungere lo Spazio, anche se gli astronauti sono rimasti un corpo d’élite.

Una cosa che ha sostenuto il programma dello Space Shuttle era che, poiché era un veicolo spaziale gestito dal governo degli Stati Uniti, era plausibile per le persone credere che non importa chi fossero e quanti soldi avessero, avrebbero potuto loro stessi avere l’opportunità di volare nello Spazio in un certo contesto,” ha detto Hersch.

È in quel panorama che i modelli di business del volo spaziale privato e la figura del turista spaziale sono stati lanciati nei primi anni 2000. Quando quei sette ricchi individui si sono diretti verso la Stazione Spaziale, i loro voli hanno suscitato ulteriori controversie su cosa significasse essere un astronauta.
C’è stato un grande dibattito sul fatto che dovessero essere chiamati astronauti o turisti spaziali e, come gruppo, tutti hanno davvero rifiutato il termine turista spaziale,” ha detto a Space.com Erika Nesvold, astrofisica e co-fondatrice del gruppo di difesa della JustSpace Alliance. “Penso che sia così perché il termine astronauta ha una posizione elitaria, ma molto amata, che è un po’ un caso unico nella nostra società“, ha precisato. “C’è una certa quantità di anti-elitarismo tale che le persone non amano tutte in modo uniforme le celebrità, o gli atleti, o quant’altro, o certamente i politici, ma molte persone semplicemente amano gli astronauti“.

La terminologia di astronauta è ancora controversa, così come la differenza che le aziende private faranno davvero quando si tratterà di accedere allo Spazio. I biglietti per i voli Virgin Galactic sono stati venduti di recente per 250mila dollari, mentre Blue Origin non ha ancora annunciato un prezzo di listino, ma l’unico posto sul volo del 20 luglio venduto è andato all’asta, pagato 28 milioni di dollari.

Mentre i miliardari dello Spazio spesso cercano di etichettare i loro sforzi come ‘rendere lo spazio più accessibile’ alle persone, in realtà non stanno cambiando nulla sull’accessibilità,” ha spiegato a Space.com Lucianne Walkowicz, astrofisica dell’Adler Planetarium di Chicago e co-fondatrice della JustSpace Alliance. “Per gli uomini bianchi di classe medio-alta, lo Spazio è sempre stato relativamente accessibile“. “Le persone ricche che si fanno strada in spazi esclusivi e di difficile accesso sono storie vecchie come il tempo. Legare il volo spaziale alla ricchezza sottolinea ulteriormente che lo Spazio è un altro parco giochi dei ricchi“.

Mentre Bezos si è adoperato per rimediare a un vecchio torto offrendo un posto all’aviatrice Wally Funk, una delle cosiddette donne “Mercury 13” che ha superato gli stessi esami di abilitazione dei primi astronauti americani ma è stata esclusa dal corpo, secondo i co-fondatori di JustSpace gesti come questo non affrontano il problema centrale. “Questo ci mette in un mondo in cui noi poveri, noi non miliardari, possiamo andare nello Spazio solo per il piacere dei ricchi“, ha affermato Nesvold. “Neanche questa è una soluzione“.

Lo splendore del volo spaziale

Lo spazio è diventato un luogo in cui gli astronauti sono stati in grado di creare e affinare la loro immagine pubblica, e la loro celebrità è stata un’opportunità per creare un personaggio,” ha spiegato Bimm riferendosi agli astronauti Mercury, e sospetta che lo stesso sarà vero per i miliardari dello Spazio.
Credo che si crogioleranno in un po’ di quell’aura che non è realmente applicabile a loro,” ha detto. “Sarà un momento cruciale in cui possono reinventarsi. Il Jeff Bezos che torna dai suoi 6 minuti nello Spazio sarà lo stesso Jeff Bezos che è partito? Certo, ma potrebbe raccontare una storia diversa, o potrebbe concentrarsi su cose nuove e rivendicare una trasformazione“.
Detto questo, gli astronauti Mercury hanno guadagnato la loro celebrità attraverso il loro volo spaziale, mentre per Branson e Bezos un breve volo spaziale non può cambiare più di tanto le immagini pubbliche esistenti. Ad esempio, l’annuncio di Bezos che avrebbe volato è stato, in particolare, accolto con una serie di battute su come forse avrebbe potuto semplicemente rimanere nello Spazio se avesse voluto andarci così tanto. Branson ha una lunga storia di tentativi avventurosi alle spalle e record nelle proprie attività, anche se ha supervisionato l’impero commerciale della Virgin.

E’ difficile immaginare di vedere l’uno o l’altro uomo dopo il volo spaziale senza considerare come hanno costruito gli imperi commerciali che hanno finanziato i loro percorsi. Naturalmente, anche questo ha radici profonde nella corsa allo Spazio, di per sé un’allegoria dei sistemi politici ed economici.

Anche se Branson e Bezos corrono verso i confini dello Spazio, vale la pena notare che nessuna delle due società sta facendo qualcosa di senza precedenti. “Sessant’anni fa, senza il beneficio degli imprenditori tecnologici e senza il beneficio dei computer, gli americani si sono organizzati per realizzare questa impresa e lo hanno fatto meravigliosamente“, ha detto Hersch, riferendosi al volo suborbitale di Alan Shepard nel 1961, avvenuto poche settimane dopo il volo suborbitale dell’Unione Sovietica. Yuri Gagarin ha effettuato il primo volo spaziale, che è, ovviamente, omonimo del programma suborbitale Blue Origin.

Gli Stati Uniti hanno un’enorme tradizione di persone che prendono i loro soldi e ci fanno cose davvero fantasiose e interessanti, e io lo sostengo davvero“, ha detto Hersch. “Ma come storico, cerco sempre di mettere questo genere di cose in prospettiva, e penso, beh, è ​​fantastico che le persone spendano un sacco di soldi per fare qualcosa che la NASA ha fatto nel 1961“.