Una nuova falena alpina risolve un mistero vecchio di 180 anni

La falena alpina nascosta è una specie sorprendente con un'apertura alare fino a 16 mm e un caratteristico colore marrone oliva

MeteoWeb

Farfalle e falene (ordine Lepidotteri) sono uno dei gruppi animali più vari. Ad oggi, gli scienziati hanno scoperto fino a 5.000 specie solo nelle Alpi. Essendo stato un luogo di intenso interesse per la ricerca per 250 anni, è considerato piuttosto sensazionale se una specie precedentemente sconosciuta viene ancora scoperta in area alpina. Ed è quanto accaduto ad un team di ricercatori svizzero-austriaci, che ha descritto una nuova specie di falena alpina nella rivista Alpine Entomology ad accesso aperto e sottoposta a peer review, risolvendo così un mistero vecchio di 180 anni.

Decenni di ricerca

Il team, composto da Jürg Schmid, dentista a tempo pieno, autore e appassionato ricercatore di farfalle e falene dalla Svizzera, e Peter Huemer, capo delle collezioni di scienze naturali dei Musei statali tirolesi di Innsbruck e autore di oltre 400 pubblicazioni, ha iniziato quasi trent’anni fa, negli anni ’90, quando i due ricercatori scoprirono indipendentemente la stessa specie di falena. Mentre scoprivano che era simile a una falena della famiglia Tortricidae e comunemente chiamata Dichrorampha montanana, nota alla scienza dal 1843, comprendevano sempre di più che era anche chiaramente diversa.

Il modello delle ali e la morfologia interna delle strutture dei genitali supportavano un’ipotesi di due specie. Inoltre, i due sono stati ritrovati contemporaneamente negli stessi luoghi, ulteriore indicazione che appartengono a specie separate. Ampie indagini genetiche in seguito hanno confermato questa ipotesi, ma il viaggio per presentare una nuova specie alla scienza era tutt’altro che finito.

La falena alpina nascosta

Per “battezzare” una nuova specie e darle il proprio nome, gli scienziati devono prima verificare che non sia già stata nominata. Ciò impedisce alla stessa specie di avere due nomi diversi, e essenzialmente significa guardare le descrizioni di specie simili e confrontare quella nuova con loro per dimostrare che è davvero sconosciuto alla scienza. Nel caso di questa nuova falena, c’erano sei nomi più vecchi potenzialmente applicabili che dovevano essere esclusi prima di poter essere nominati come nuovi.

La ricerca intensiva e dispendiosa in termini di tempo di esemplari originali nei musei naturali di Parigi, Berlino, Francoforte e Londra alla fine ha portato alla scoperta che tutti e sei i nomi antichi in realtà si riferivano a una stessa specie: Dichrorampha alpestrana, che è nota dal 1843 e doveva essere adottato come il nome più antico valido per Dichrorampha montanana poiché era stato descritto un paio di mesi prima. Allo stesso modo, tutti gli altri nomi disponibili hanno dimostrato di appartenere a Dichrorampha alpestrana. La specie scoperta da Schmid e Huemer, tuttavia, era diversa, non ancora nominata, e poteva finalmente essere descritta come nuova per la scienza. Gli autori hanno scelto di chiamarlo Dichrorampha velata – il nome latino della specie significa “velato” o “nascosto”, indicando la complicata storia dietro la sua scoperta.

Tante domande senza risposta

La falena alpina nascosta è una specie sorprendente con un’apertura alare fino a 16 mm e un caratteristico colore marrone oliva delle ali anteriori con linee argentate. Appartiene ad un gruppo di lepidotteri prevalentemente diurni ed è particolarmente diffuso localmente nei colorati prati fioriti di montagna. Per ora, sappiamo che la sua distribuzione si estende almeno da Salisburgo e dal Tirolo attraverso la Svizzera meridionale e il Giura fino alle Alpi francesi e italiane, con reperti isolati noti dalla Foresta Nera in Germania, ma i ricercatori ritengono che potrebbe avere una gamma più ampia in Europa centrale.

La biologia della nuova specie è completamente sconosciuta, ma Huemer e Schmid ipotizzano che i suoi bruchi possano vivere nel rizoma di achillea o crisantemi come altre specie dello stesso genere. Come per molte altre falene alpine, c’è un forte bisogno di ulteriori ricerche, in modo da poter comprendere meglio questo affascinante insetto.

CREDIT: Juerg Schmid
Habitat della nuova specie di falena Dichrorampha velata