Violentissima scossa di terremoto in Alaska, l’allarme tsunami “distruttivo” rientra su tutte le coste [DATI e MAPPE]

Fortissima scossa di terremoto nella penisola di Alaska, rientrato l'allarme tsunami diramato dallo US Tsunami Warning System NOAA

/
MeteoWeb

Una fortissima scossa di terremoto magnitudo Mwpd 8.2 (dati USGS) si è verificata nella penisola di Alaska, che si estende per 800 km nel sud-ovest dello Stato USA e attraverso le Isole Aleutine.
L’epicentro è stato localizzato a 91 km est-sudest da Perryville, e l’ipocentro a 46,7 km di profondità.
L’evento è avvenuto alle 06:15:47 UTC (08:15:47 ora italiana, 22:15:47 ora locale), ed è stato seguito da repliche magnitudo 6.2 e 5.6.
Il terremoto “è stato avvertito in tutta la penisola dell’Alaska e Kodiak,” secondo l’Alaska Earthquake Center. La polizia di Kodiak ha consigliato ai residenti di allontanarsi dalla costa e spostarsi sulle alture. Kodiak si trova vicino alla punta nord-occidentale dell’isola omonima, che è la più grande dell’Alaska ed è la seconda isola più grande degli Stati Uniti.

terremoto alaska

Lo US Tsunami Warning System NOAA ha diramato l’allarme tsunami, in riferimento in particolare al sudest dell’Alaska, Stato che fa parte della “cintura di fuoco” del Pacifico, molto attiva dal punto di vista sismico. L’avviso era stato emesso per l’Alaska meridionale e la penisola dell’Alaska, da Hinchinbrook Entrance Unimak Pass, per le Isole Aleutine, da Unimak Pass a Samalga Pass, ma è rientrato poche ore dopo.
Un’allerta era stata inizialmente emessa anche per le Hawaii, secondo il National Weather Service Pacific Tsunami Warning Center, ma è stata in seguito cancellata.
Inizialmente il Pacific Tsunami Warning Center aveva diramato il seguente messaggio: “Sulla base di tutti i dati disponibili, uno tsunami potrebbe essere stato generato da questo terremoto che potrebbe essere distruttivo sulle aree costiere anche lontane dall’epicentro“, ma poche ore dopo tutte le allerte sono state revocate. “Tutti gli allarmi tsunami per la costa dell’Alaska sono stati cancellati. Ricordate, correnti forti e insolite possono continuare per diverse ore. Se avete registrato danni, segnalatelo ai vostri funzionari locali,” ha precisato lo US National Tsunami Warning Center.

terremoto alaska oggi

Il terremoto “si è verificato nella zona di subduzione tra la placca del Pacifico e quella del Nord America, che è all’origine dell’arco delle isole Aleutine, lungo circa 3000 km,” spiega l’INGV in un approfondimento pubblicato sul blog INGVterremoti.
Forti scosse “sono comuni nella zona di subduzione Alaska-Aleutine. Dal 1900, altri 8 terremoti di magnitudo M7 e superiore si sono verificati entro 250 km dall’evento di oggi, tra i quali i terremoti di magnitudo M7.8 del 22 luglio 2020 e di magnitudo M7.6 il 19 ottobre 2020. Inoltre, un terremoto di magnitudo M8.2 si è verificato il 10 novembre 1938 con epicentro a circa 40 km a sud dall’evento odierno. L’evento del 1938 ha prodotto un piccolo tsunami che è stato registrato sia a livello locale che a Hilo, nelle Hawaii. La posizione remota del terremoto ha avuto un impatto minimo su persone e infrastrutture.
Nella zona di subduzione Alaska-Aleutine si è verificato il secondo terremoto più forte mai registrato dalla moderna strumentazione sismica, il terremoto di magnitudo M9.2 del 27 marzo 1964“.

Terremoto in Alaska, allarme tsunami: suonano le sirene a Kodiak [VIDEO]