Astronomia: cosa c’è in cielo nella notte di San Lorenzo? Stasera l’imperdibile congiunzione Luna-Marte-Venere

Stasera potremo ammirare un sottilissimo falcetto di Luna crescente mentre tramonta tra Marte e Venere

MeteoWeb

Suggestiva congiunzione nella notte di San Lorenzo.
Stasera potremo ammirare un sottilissimo falcetto di Luna crescente mentre tramonta tra Marte e Venere.
La congiunzione si potrà ammirare sull’orizzonte occidentale, nella costellazione del Leone.

Basterà poi puntare lo sguardo a nordest per avere l’occasione di vedere le stelle cadenti: la “pioggia” di meteore delle Perseidi (le “Lacrime di San Lorenzo”) è già attiva (il picco è però previsto dalla serata del 12 agosto, dal tramonto fino alle prime luci dell’alba del 13, quando il radiante sarà alto nel cielo, oltre i 60 gradi). Quest’anno l’osservazione è favorevole, in quanto la Luna, anche se in fase crescente, tramonta poco dopo le 22:30 e quindi il suo chiarore non interferirà con lo spettacolo.

Per quanto riguarda in generale  l’osservabilità dei pianeti del Sistema Solare ad Agosto, Mercurio ad inizio mese è inosservabile, in seguito si può scorgere ad a ovest, poco dopo il tramonto. Venere si può ammirare dal crepuscolo in direzione ovest. Marte a inizio mese è visibile a ovest, molto basso, subito dopo il tramonto, e col passare dei giorni diventa sempre più difficile scorgerlo. Giove è ben visibile a est subito dopo il tramonto e per tutta la notte. Saturno sorge poco prima di Giove. Urano è visibile (per mezzo di telescopio) dalla seconda parte della notte: sorge a est e si confonde tra le luci dell’alba a sudest. Nettuno (osservabile per mezzo di telescopio) sorge in tarda serata a oriente, culmina in tarda notte a sud e scompare tra le luci dell’alba.

Per chi volesse dare la caccia alle costellazioni, in direzione Nord, troviamo come sempre la Stella Polare: accanto all’Orsa Maggiore e all’Orsa Minore  scorgiamo Dragone, Cefeo e Cassiopea.
A nordovest brilla Arturo, parte del Bootes, dalla particolare forma ad aquilone.
A sud ammiriamo il Sagittario, che occupa la zona della volta celeste dove è situato il centro della Via Lattea.
A est osserviamo il grande quadrilatero di Pegaso, Andromeda e Perseo, che diventeranno protagonisti nel corso dei prossimi mesi.

Naso all’insù per lo spettacolo delle “Lacrime di San Lorenzo”: come e quando vedere le stelle cadenti più attese dell’anno, le Perseidi

Dalle Lacrime di San Lorenzo alle congiunzioni, cosa ci riserva il cielo di Agosto