Caldo estremo con punte di +46°C in Grecia: enorme incendio vicino ad Atene, migliaia di evacuati e case incenerite – FOTO e VIDEO

Un enorme incendio scoppiato a Varympompi, a nord di Atene, ha creato una gigantesca nube di fumo sulla capitale greca: migliaia di persone evacuate

/
MeteoWeb

La Grecia è nella morsa dell’ondata di caldo peggiore degli ultimi decenni. Oggi migliaia di persone hanno dovuto lasciare in fretta e furia le loro case a Varympompi, a nord di Atene, a causa di un incendio scoppiato in una foresta che poi ha raggiunto le aree residenziali. Il rogo ha creato un’enorme nube di fumo su Atene (vedi foto della gallery scorrevole in alto e video in fondo all’articolo) e innescato molteplici evacuazioni vicino a Tatoi. Numerose case sono state rase al suolo dalle fiamme. I Vigili del Fuoco si sono recati porta a porta per assicurarsi che gli ordini di evacuazione venissero rispettati. L’autostrada che collega Atene a Lamia è stata chiusa a causa delle fiamme.

“È un grande incendio e servirà molto lavoro per portarlo sotto controllo. La vegetazione è molto densa in queste aree ed è molto secca a causa dell’ondata di caldo, quindi le condizioni sono difficili”, ha detto il governatore George Patoulis. Attualmente, una squadra di 300 Vigili del Fuoco, assistita da 35 elicotteri e 10 aerei, sta combattendo contro le fiamme. I forti venti, che hanno contribuito ad alimentare e diffondere l’incendio, hanno reso molto difficile le operazioni di spegnimento.

Con l’intensificazione dell’ondata di caldo nel Mediterraneo orientale, le temperature hanno raggiunto i +42°C ad Atene. Oggi sono stati raggiunti anche +46°C a Makrakomi, +45°C a Larissa e quasi tutto il Paese ha sperimentato temperature di almeno +40°C.

I roghi hanno costretto ad evacuare altre località della Grecia, come nel Peloponneso e nelle isole di Evia e Kos. Il caldo estremo, descritto dalle autorità greche come il peggiore nel Paese dal 1987, ha messo a dura prova la fornitura di energia nazionale. La fornitura energetica a parti di Atene è stata messa a rischio quando parte del sistema di trasmissione, danneggiato dagli incendi, è stato spento.

Lo scorso weekend, 3000 ettari sono andati in fumo nel Peloponneso, mentre un altro incendio sull’isola di Rodi continua a devastare una foresta da domenica: i pompieri faticano a circoscriverlo.

Numerosi incendi in Albania

Anche l’Albania è alle prese con numerosi incendi da nord a sud, tanto da costringere le autorità a far scendere in campo l’esercito. Il Paese oggi conta anche la prima vittima a causa dei roghi. Un uomo di 64 anni, Andrea Haxhiaj, è morto nel tentativo di spegnere le fiamme che avevano circondato la sua abitazione nel villaggio Asim Zeneli vicino ad Argirocastro, nel sud del Paese. Gravi lesioni ha subito anche sua moglie di 57 anni, trasportata d’urgenza in ospedale. Il ministro della Difesa Niko Peleshi, che guida il Comitato della Protezione civile, ha invitato gli abitanti del villaggio e di altri due comuni confinanti ad abbandonare le loro abitazioni.

Circa 500 unità della Difesa sono impegnate a fermare le fiamme divampate sulla penisola di Karaburun, sulla costa ionica, che minacciano anche una base della marina militare albanese.

Le spaventose immagini dell’enorme incendio a nord di Atene [VIDEO]

Enorme incendio a nord di Atene, la gigantesca nube di fumo sulla città [VIDEO]