Dimmi quanto hai studiato e che lavoro fai e ti dirò se rischi di avere un infarto prima dei 50 anni

L'istruzione della prima età adulta e le esperienze lavorative svolgono un ruolo fondamentale sulla salute cardiovascolare in età avanzata

MeteoWeb

Una nuova ricerca pubblicata oggi sul Journal of Epidemiology and Community Health ha scoperto che l’istruzione e le esperienze lavorative nella prima età adulta contribuiscono alle disuguaglianze di salute cardiovascolare in età avanzata, indipendentemente dall’occupazione e dal reddito familiare nella mezza età.

Ci sono importanti differenze in termini di salute tra i diversi settori della nostra società, con coloro che sono meno istruiti e in posti di lavoro di status inferiore si sono dimostrati meno sani e hanno in media un’aspettativa di vita più breve rispetto ai più privilegiati. Mentre la prima età adulta è un momento importante sia per lo sviluppo della posizione socioeconomica dell’adulto sia per lo sviluppo di comportamenti legati alla salute cardiovascolare, fino ad ora non è stato chiaro il grado in cui le traiettorie socioeconomiche della prima età adulta contribuiscono direttamente alle differenze di salute osservate in età avanzata.

I ricercatori dell’Università di Cambridge, dell’Università di Bristol e dell’UCL Social Research Institute hanno analizzato i dati sanitari e socioeconomici raccolti nel corso di diversi decenni da oltre 12.000 membri della British Birth Cohort del 1970, per determinare il contributo della prima età adulta alle differenze nella salute cardiovascolare a metà età adulta. Gli scienziati hanno utilizzato un metodo basato sui dati per dividere la popolazione in diversi gruppi socioeconomici in base alla loro partecipazione all’istruzione, ai diversi tipi di lavoro, alla disoccupazione o all’inattività economica nella prima età adulta (16-24 anni). Hanno studiato l’associazione di questi gruppi con fattori di rischio cardiovascolare all’età di 46 anni, tra cui pressione sanguigna, livelli di colesterolo, circonferenza della vita.

La professoressa Kate Tilling della MRC Integrative Epidemiology Unit dell’Università di Bristol e autrice senior del documento, ha dichiarato: “Misurare la posizione socioeconomica nella prima età adulta è sempre stato difficile poiché questo è un periodo di transizione in cui le occupazioni della maggior parte delle persone cambiano nel tempo. Il metodo che abbiamo sviluppato fornisce un modo flessibile per identificare la posizione socioeconomica della prima età adulta e speriamo che venga utilizzato in futuro per rispondere ad altre domande di ricerca relative a questo periodo della vita”.

I ricercatori hanno scoperto che coloro che hanno trascorso più tempo nell’istruzione, passando a ruoli professionali o manageriali durante la prima età adulta, avevano una salute cardiovascolare migliore più di 20 anni dopo (all’età di 46 anni) rispetto ad altri gruppi. È importante sottolineare che questa associazione non era interamente dovuta a un reddito più elevato o a un lavoro di livello superiore all’età di 46 anni, il che suggerisce un’associazione indipendente e a lungo termine delle influenze della prima età adulta con la salute.

I risultati indicano che i fattori materiali nella mezza età adulta non contribuiscono al percorso attraverso il quale la traiettoria socioeconomica della prima età adulta influisce sulla salute di mezza età e gli autori suggeriscono che lo sviluppo di comportamenti sanitari o fattori psicosociali come stress, depressione e lavoronel corso della prima età adulta può svolgere un ruolo importante.

La dott.ssa Eleanor Winpenny dell’Unità di epidemiologia dell’MRC dell’Università di Cambridge e prima autrice dell’articolo, ha spiegato: “Abbiamo scoperto che l’istruzione di un individuo e le esperienze lavorative nella prima età adulta hanno avuto un impatto molto maggiore sulle misure di salute cardiovascolare più di vent’anni dopo rispetto alla loro occupazione o reddito in quel momento. Questi risultati suggeriscono che dobbiamo fornire maggiore supporto ai giovani adulti per consentire uno sviluppo sano nella mezza età e prevenire le malattie in età avanzata. Dato l’ulteriore svantaggio per i giovani adulti dovuto all’attuale pandemia di coronavirus, è urgente comprendere e mitigare l’effetto che queste circostanze potrebbero avere sulla loro salute futura”.