Gli anelli dei vecchi abeti Douglas sulla costa dell’Oregon mostrano prove dello tsunami del 1700

Lo tsunami sembra essere l'evento che più ha colpito la crescita degli alberi nel 1700: in quell'anno gli abeti nella zona dell'inondazione mostravano un tasso di crescita significativamente ridotto

MeteoWeb

I campioni di tronchi prelevati da un bosco di vecchi abeti Douglas nell’area di South Beach, appena a sud di Newport, hanno mostrato una crescita ridotta in seguito al terremoto di magnitudo 9.0 e al successivo tsunami che ha colpito il Pacifico nord-occidentale nel 1700. Le prove fisiche degli anelli degli alberi di abete di Douglas confermano la modellizzazione che descrive la portata del terremoto del gennaio 1700, che è stato l’ultimo grande terremoto a colpire la zona di subduzione della Cascadia, come ha spiegato Robert Dziak, uno scienziato dell’Hatfield Marine Science Center con il National Laboratorio ambientale marino dell’amministrazione oceanica e atmosferica.

Lo tsunami sembra essere l’evento che più ha colpito la crescita degli alberi quell’anno“, ha detto Dziak, il cui lavoro include “Ottenere questi piccoli frammenti dell’immagine ci aiuta a capire cosa potremmo aspettarci quando arriverà il prossimo ‘big one’“. I risultati sono stati pubblicati di recente sulla rivista Natural Hazards and Earth System Sciences. L’idea dello studio risale a più di un decennio fa; Dziak era a conoscenza di ricerche passate che avevano mostrato prove del terremoto del 1700 sugli alberi a Washington, e ha avuto l’intuizione di provare a comprendere se esistessero prove simili in Oregon.

La prima sfida è stata trovare uno stand di vecchi abeti Douglas nella zona dell’inondazione dello tsunami. I ricercatori hanno esaminato alcuni luoghi prima di individuare lo stand nel Mike Miller Park a South Beach, a circa due chilometri a sud di Yaquina Bay e 1,2 chilometri a est dell’attuale costa oceanica. “Non siamo sicuri del motivo per cui questo albero non sia stato registrato nel corso degli anni, ma siamo molto fortunati ad avere un sito così vicino alla costa che è sopravvissuto”, ha affermato il coautore Bryan Black, del Laboratorio di ricerca sugli anelli degli alberi, presso l’Università dell’Arizona, Tucson.

Un nuovo e aggiornato modello di tsunami gestito dai ricercatori come parte dello studio mostra che l’area potrebbe essere stata inondata da un massimo di 10 metri d’acqua nell’evento dello tsunami del 1700, ha spiegato Dziak. Una volta identificato il vecchio supporto di crescita, i ricercatori hanno raccolto campioni di carote da circa 38 alberi utilizzando un processo che consente loro di analizzare gli anelli degli alberi senza danneggiare la salute generale degli alberi. La maggior parte degli alberi risale al 1670 circa, con uno risalente al 1650.

Hanno analizzato i tassi di crescita negli anelli e hanno confrontato i tassi di crescita con quelli di altri abeti Douglas di vecchia crescita in siti non nella zona di inondazione dello tsunami. Hanno scoperto che nel 1700 gli alberi nella zona dell’inondazione dello tsunami mostravano un tasso di crescita significativamente ridotto.

I ricercatori stanno ancora lavorando per capire perché lo tsunami potrebbe aver influenzato la crescita degli alberi poiché gli alberi sono relativamente lontani dalla costa. Sospettano che possa essere una combinazione della scossa del terremoto e dell’inondazione di acqua di mare. “L’acqua di mare salata di uno tsunami in genere defluisce abbastanza rapidamente, ma c’è un’area di stagno nel Mike Miller Park dove l’acqua di mare probabilmente si è depositata ed è rimasta per un periodo di tempo più lungo“, ha spiegato Dziak. Black ha aggiunto che il prossimo passo dei ricercatori sarà quello di condurre un’analisi isotopica sul legno del 1700. “Cercheremo firme coerenti con quelle trovate negli alberi che sono stati inondati dallo tsunami Tohoku del 2011 in Giappone“, ha detto. “In caso di successo, potremmo sviluppare una nuova potente tecnica per mappare lo tsunami preistorico lungo la costa nord-occidentale del Pacifico“.

Ulteriori coautori dello studio sono Yong Wei dell’Università di Washington Cooperative Institute for Climate, Ocean and Ecosystem Studies con NOAA/PMEL a Seattle; e Susan Merle del Cooperative Institute for Marine Resource Studies presso l’Hatfield Marine Science Center.

CREDIT: Bob Dziak