E’ la peggiore ondata di caldo in Grecia da 30 anni, gli incendi a Eubea non si fermano: il cielo notturno è rosso da giorni [FOTO]

Ad Atene i roghi sono stati domati, ma l'incendio su Eubea si è rapidamente propagato su diversi fronti, lacerando migliaia di ettari di foresta

  • Foto Ansa
    Foto Ansa
  • Foto Ansa
    Foto Ansa
  • Foto Ansa
    Foto Ansa
  • Foto Ansa
    Foto Ansa
  • Foto Ansa
    Foto Ansa
/
MeteoWeb

Migliaia di persone sono fuggite dalle loro case sull’isola greca di Eubea, in Grecia, mentre gli incendi hanno bruciato incontrollati per il sesto giorno consecutivo e i traghetti erano in attesa di ulteriori evacuazioni dopo aver portato molti cittadini in salvo via mare.

Gli incendi che avevano minacciato la periferia nord di Atene nei giorni scorsi sono tornati a spegnersi. Ma l’incendio su Eubea, una grande isola a est della capitale, si è rapidamente propagato su diversi fronti, lacerando migliaia di ettari di foresta incontaminata nella sua parte settentrionale e costringendo l’evacuazione di dozzine di villaggi.

Mi sento arrabbiata. Ho perso la mia casa… niente sarà più lo stesso il giorno dopo“, ha detto una residente dopo essersi imbarcata su un traghetto di salvataggio nel villaggio di Psaropouli. “È un disastro. È enorme. I nostri villaggi sono distrutti, non è rimasto nulla delle nostre case, delle nostre proprietà, niente, niente”, ha detto.

Gli incendi sono scoppiati in molte parti del paese durante una settimana di ondata di caldo, la peggiore in Grecia in tre decenni, con temperature torride e venti caldi. In tutto il paese, le foreste sono state bruciate e decine di case e attività commerciali sono state distrutte. La guardia costiera ha evacuato più di 2.000 persone, tra cui molti residenti anziani, da diverse parti dell’isola da martedì, in drammatici salvataggi in mare mentre il cielo notturno si è tinto di un rosso apocalittico. Altri sono fuggiti dai loro villaggi a piedi durante la notte, percorrendo strade costellate di alberi in fiamme.

Il governatore della Grecia centrale, Fanis Spanos, ha affermato che la situazione nel nord dell’isola è “molto difficile” da quasi una settimana. “I fronti sono enormi, l’area di terra bruciata è enorme”, ha detto a Skai TV. Più di 2.500 persone sono state ospitate in hotel e altri rifugi, ha detto. La Grecia ha dispiegato l’esercito per aiutare a combattere gli incendi e diversi paesi tra cui Francia, Egitto, Svizzera e Spagna hanno anche inviato aiuti, compresi gli aerei antincendio. Più di 570 vigili del fuoco stanno combattendo l’incendio a Evia, dove due fronti attivi stavano bruciando nel nord e nel sud dell’isola. Il viceministro della protezione civile greco, Nikos Hardalias, ha affermato che gli aerei da bombardamento d’acqua nella regione hanno dovuto affrontare diversi ostacoli tra cui la scarsa visibilità causata dagli spessi pennacchi di fumo che si alzavano sulle montagne e dalla turbolenza.

Un incendio ai piedi del Monte Parnitha a nord di Atene è stato contenuto, ma le condizioni meteorologiche hanno fatto sì che esistesse ancora una forte minaccia che potesse divampare di nuovo. Venerdì notte, forti venti hanno spinto le fiamme nella città di Thrakomakedones, dove ai residenti era stato ordinato di evacuare. L’incendio ha lasciato case e automobili bruciate e annerite tra i pini bruciati.