Incendi Sicilia, la Protezione Civile attiva lo Stato di Preallerta fino al 13 agosto: “Rischio alto”

Alto rischio di incendi in Sicilia nei prossimi giorni: la Protezione Civile attiva lo stato di preallerta

MeteoWeb

La Protezione Civile ha emesso avviso per  “Rischio incendi e ondate di calore” per la Sicilia.  Come si legge nella nota è stato attivato lo “Stato di PREALLERTA e di ATTENZIONE fino al 13 agosto 2021“, a seguito della riunione svoltasi ieri con il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile e con il Coordinamento delle Regioni nel corso della quale il Centro Funzionale Centrale ha illustrato le condizioni meteo climatiche dei prossimi giorni in Sicilia (aumento delle temperature da domenica con i massimi sopra i 40° e ancora in aumento intorno a 45° per mercoledì 11; massime oltre le medie stagionali; minime sopra i 30 gradi) particolarmente favorevoli all’innesco di incendi e alla loro propagazione.

Sentito il Gruppo di Ricerca Meteo del Dipartimento di Scienze dell’Università di Messina (nell’ambito della Convenzione sottoscritta con il Dipartimento Regionale della Protezione Civile) che conferma che, già a partire da questo fine settimana e per gran parte dei giorni della prossima, con specifico riferimento alla Sicilia, le linee di tendenza a medio-lungo termine evidenziano un nuovo innalzamento dei valori termici, a causa della presenza di aria calda in quota, provenienti dal nord Africa.

Visto l’Avviso di protezione civile – RISCHIO INCENDI E ONDATE DI CALORE n. 166 del 6/8/2021 che prevede per il 7/8/2021 per il rischio incendi e ondate di calore una pericolosità ALTA per la Sicilia centro occidentale e una pericolosità media per la restante parte e livello di allerta rispettivamente di ATTENZIONE e di PREALLERTA;
Visto il Bollettino di previsione nazionale incendi boschivi n.166 del 6 agosto 2021, riportante “temperature in progressivo aumento e massime molto elevati sulle due isole maggiori…” e che la suscettività all’innesco e alla propagazione di incendi boschivi si mantiene MEDIA e ALTA per le varie province dell’Isola e per la durata delle previsioni valide fino a domenica 8 agosto;
Considerato che si prevede che tali condizioni meteoclimatiche e di alto rischio incendi e ondate di calore siano persistenti per numerosi giorni e per gran parte della settimana prossima;
Considerato che le suddette condizioni meteo climatiche non possono che aggravare, ai fini del rischio incendi, lo stato della copertura vegetale e, in genere, dei materiali combustibile, elementi già soggetti da dipartimento.protezione.civile@certmail.regione.sicilia.it
settimane ad alte temperature, in quanto ne aumentano la facilità di innesco e di propagazione delle fiamme;
Considerato opportuno, nell’ambito delle funzioni di protezione civile, comunicare la situazione di alto rischio incendi che affligge il territorio regionale e le previsioni di aggravamento per i prossimi giorni e,
conseguentemente, richiamare l’attenzione delle amministrazioni e delle strutture interessate all’adozione di ogni possibile misura preventiva e precauzionale;
SI PREAVVISA CHE:
per tutti i territori dell’Isola, fino a venerdì 13 agosto, sono previste, per il rischio incendi, PERICOLOSITÀ ALTAo MEDIA e pertanto LIVELLI di ALLERTA di ATTENZIONE (allerta rossa) o di PREALLERTA (allerta arancione), con livelli di ondate di calore da 2 a 3 (massimo), con i massimi intorno a mercoledì, e pertanto, in particolare,

SI RACCOMANDA:
1) I Sindaci attivino urgentemente le procedure previste dal Piano di Protezione Civile Comunale per il rischio incendi anche di interfaccia e per le ondate di calore. In particolare, predispongano:
a)-un monitoraggio costante e continuo delle aree a maggior rischio del proprio territorio anche attraverso l’utilizzo delle Associazioni di Volontariato presenti e della Polizia locale,
b)-individuino, anche sulla scorta dei Piani di Incendio di Interfaccia, gli edifici più vicini a aree a rischio di incendio e/o a particolare rischio;
c)-per tali edifici e aree valutino le modalità di una eventuale evacuazione precauzionale e individuino i percorsi sicuri e le necessarie aree di emergenza/ricovero, ponendo particolare attenzione ai soggetti fragili e non deambulanti; pongano particolare attenzione a bombole e bomboloni di gas;
d)-provvedano in danno dei soggetti obbligati alla pulizia dei terreni incolti che comportano maggiore rischio incendi per gli insediamenti, e)-verifichino i collegamenti con sale operative: del Corpo Forestale Regionale e dei Vigili del Fuoco, 112, SORIS e ASP;
f)-preallertino il personale della struttura comunale di protezione civile e del COC e valutino di attivarlo, anche in forma ridotta, in caso di evento sospendendo – se del caso – le ferie al personale e a tutti coloro che potrebbero essere necessari per la gestione di eventuali emergenze;
g)-verifichino l’efficienza dei mezzi aib e di rifornimento acqua;
h)-individuino prese d’acqua per i mezzi antincendio e/o vasche e cisterne;
i)-informino la popolazione sui rischi incendi e ondate di calore raccomandando a tutti di evitare aree a rischio incendio e, ai soggetti fragili, di uscire e permanere all’esterno nelle ore più calde della giornata”.

“Inoltre – si legge ancora nella nota -, in data odierna la Giunta Regionale di Governo ha dichiarato lo stato di crisi e di emergenza per sei mesi a causa dei gravi incendi verificatisi già dalla fine di luglio e del permanente rischio per le prossime settimane, dovuto all’eccezionale situazione meteo climatica presente in Sicilia”.