Clima, l’altopiano del Qinghai-Tibet sempre più caldo e umido: aumentano i fenomeni estremi ma si estendono verde e habitat degli animali selvatici

L'altopiano cinese del Qinghai-Tibet è molto sensibile ai cambiamenti climatici: anche se il clima più caldo ha reso l'area più verde e ha esteso gli habitat degli animali selvatici, sono diventati più probabili eventi estremi

MeteoWeb

L’altopiano cinese del Qinghai-Tibet, la zona con l’altitudine maggiore nella regione di media latitudine del mondo, e’ molto sensibile all’impatto del riscaldamento globale. La regione e’ conosciuta come ‘il serbatoio d’acqua dell’Asia’, perche’ ospita grandi ghiacciai vitali per il ciclo dell’acqua regionale e per le risorse idriche nelle aree a valle.

Secondo i risultati di uno studio pubblicato sul sito web della China Meteorological Administration, colpito dal riscaldamento globale, l’altopiano del Qinghai-Tibet e’ diventato piu’ caldo e piu’ umido negli ultimi decenni e questo ha contribuito al verificarsi di eventi meteorologici e climatici estremi. Lo studio rivela come l’altopiano si sia riscaldato piu’ velocemente di qualsiasi altra regione del Paese negli ultimi 60 anni. Dal 1961 al 2020, le temperature nella regione sono salite costantemente al ritmo di 0,35°C ogni 10 anni, piu’ del doppio della media globale, mentre le precipitazioni annuali sono aumentate in media di 7,9mm ogni 10 anni.

Gli esperti hanno dichiarato che le influenze di tali cambiamenti sulla regione sono complesse: anche se il clima piu’ caldo ha reso l’area piu’ verde e ha esteso gli habitat degli animali selvatici, sono diventati piu’ probabili fenomeni meteorologici estremi. A causa dell’aumento delle temperature, gli eventi climatici estremi e i disastri come bufere di neve, temporali, frane e colate di detriti sono aumentati significativamente negli ultimi quattro decenni. Lo studio sottolinea anche che l’aumento dell’umidita’ e della temperatura nell’altopiano potrebbe portare alla perdita di biodiversita’, alla riduzione dell’estensione dei ghiacciai e a variazioni nella crescita della vegetazione nella regione.

Il cambiamento climatico e’ un fattore importante che influenza la crescita della vegetazione sull’altopiano secondo gli scienziati, che hanno precisato che l’aumento della presenza di vegetazione nella zona negli ultimi 30 anni e’ fondamentalmente in linea con la maggior parte delle regioni del mondo.

Gli esperti stimano che le temperature continueranno ad aumentare e che la regione affrontera’ maggiori rischi di disastri climatici e ambientali. Nonostante i numerosi studi condotti sull’altopiano, sono ancora molte le incertezze sull’impatto che i cambiamenti in questa regione avranno sul clima globale e su come i diversi sistemi climatici interagiranno tra loro, hanno affermato gli esperti. Per ripristinare l’ecosistema dell’altopiano e garantire il suo sviluppo sostenibile, gli scienziati hanno consigliato alla regione di mettere in atto una rete di osservazione tridimensionale per rilevare i cambiamenti climatici, di costruire un sistema di raccolta dati e di allarme preventivo, oltre a condurre una ricerca piu’ approfondita sui modelli di cambiamento climatico nella regione.