Previsioni Meteo: tregua dal maltempo al Nord Italia, temperature più miti al Sud entro domani

Previsioni Meteo: fase più asciutta, in via generale, anche sulle regioni settentrionali, salvo fenomeni localizzati. I dettagli per le prossime 48 ore

MeteoWeb

Dopo il grave maltempo delle ultime ore che ha devastato molte aree settentrionali, specie alpine e prealpini con smottamenti, allagamenti, straripamenti di fiumi e di bacini idrici, le previsioni meteo computano una tregua su questi settori. Per oggi e domani, infatti, il flusso instabile nord-atlantico dovrebbe alleggerire la presa verso le nostre aree estreme settentrionali, con instabilità che certamente non cesserebbe del tutto, ma che si farebbe decisamente localizzata e magari anche non particolarmente intensa per via di livellati livelli termici.

Nel contempo, sulle regioni centro-meridionali dovrebbe giungere aria un po’ più mite atlantica per una disposizione un po’ più occidentale della circolazione, con un nuovo calo delle temperature progressivamente dal Centro verso le aree meridionali e clima meno rovente, sebbene ancora per oggi temperature infuocate potrebbero resistere sulle regioni estreme meridionali. Andando più nel dettaglio, la giornata evolverebbe mediamente all’insegna del sole prevalente su buona parte del paese, salvo nubi irregolari più presenti sui settori alpini e prealpini, localmente al Nordovest, su alta Toscana, Nord Appennino, localmente anche sull’Appennino centrale e sul basso Tirreno. In riferimento ai fenomeni per oggi, secondo le previsioni meteo un po’ di rovesci o qualche temporale, ma in forma decisamente più localizzata, potrebbero interessare i settori alpini e prealpini centro-orientali, localmente anche il Nord Appennino, fino alle aree marchigiane orientali. Sole prevalenti altrove e tempo asciutto.

Per la giornata di domani, venerdì 6, tempo sempre in gran parte stabile e soleggiato, salvo i consueti addensamenti, soprattutto pomeridiani, su Alpi e Prealpi centro-orientali con locali rovesci o qualche temporale, più probabili tra alto Veneto e Friuli. Rari addensamenti sulla Romagna meridionale e sui rilievi dell’Appennino settentrionale, tra Liguria, alta Toscana, rilievi emiliani, Nord Marche, con qualche fenomeno, ma in forma decisamente isolata. Da rilevare una ventilazione sostenuta, a tratti forte da Ovest/Nordovest in Appennino, sulle regioni meridionali, diffusamente sul Tirreno in mare e sui Mari e Canali delle isole maggiori. Venti forti da Ovest/Sudovest tra il Golfo Ligure largo e il Mare di Corsica settentrionale e da Ovest/Nordovest a Est delle Bocche di Bonifacio.