Tecnologia: Apple scansionerà le foto degli utenti, scoverà materiale pedopornografico

Apple scansionerà tutte le foto caricate dai propri utenti in iCloud e salvate sui dispositivi, alla ricerca di immagini pedopornografiche che segnalerà alle autorità competenti

MeteoWeb

Apple ha reso noto che iPhone e iPad inizieranno presto a rilevare immagini contenenti abusi sessuali su minori e a segnalarle quando caricate sul suo spazio di archiviazione online negli Stati Uniti. “Vogliamo aiutare a proteggere i bambini dai predatori che utilizzano strumenti di comunicazione per adescarli e sfruttarli, e limitare la diffusione di materiale pedopornografico,” ha precisato Apple.
Secondo la società, la nuova tecnologia consentirà al software dei dispositivi Apple di confrontare le foto con un database di immagini note fornite dalle organizzazioni per la sicurezza dei bambini, per poi contrassegnare le immagini quando vengono caricate nell’archivio iCloud online di Apple.
Un software aggiuntivo farà delle verifiche, tali da rendere la probabilità di errore inferiore a una su un trilione. Un’eventuale corrispondenza farà scattare un avviso che farà intervenire degli operatori che verificheranno se effettivamente le foto fanno parte del database. In questo caso l’account dell’utente verrà chiuso e scatterà la segnalazione alle autorità.
L’app di messaggistica per iPhone di Apple utilizzerà inoltre l’apprendimento automatico per riconoscere e avvertire i bambini e i loro genitori quando ricevono o inviano foto sessualmente esplicite, ha affermato la società, e all’assistente personale Siri verrà insegnato a “intervenire” quando gli utenti tentano di cercare argomenti relativi agli abusi sessuali su minori.
Alle organizzazioni per i diritti digitali che sostengono che le modifiche ai sistemi operativi di Apple creano una potenziale “backdoor” nei gadget che potrebbe essere sfruttata dai governi o da altri gruppi, Apple ha replicato che non avrà accesso diretto alle immagini e che sono state previste misure per proteggere la privacy e la sicurezza.