Terremoto ad Haiti, il terribile bilancio peggiora sempre più: sale a 1.941 il numero di morti

1.941 morti, oltre 9.900 feriti e 60.000 case distrutte: il bilancio del terremoto di Haiti è terribile

MeteoWeb

Il bilancio provvisorio del terremoto di magnitudo 7.2 che ha colpito il sud-ovest di Haiti sabato 14 agosto è aumentato a 1.941 morti e oltre 9.900 feriti. E’ quanto riferisce la protezione civile nazionale. Oltre 60.000 case sono andate distrutte.

Intanto l’Ue, alla luce degli effetti devastanti del violentosisma, ha stanziato i primi 3 milioni di euro per gli aiuti umanitari per far fronte ai bisogni più urgenti delle comunità colpite. Lo rende noto la Commissione Ue. “I bisogni umanitari urgenti – sottolinea Janez Lenarčič, commissario per la gestione delle crisi – sono dovuti al devastante terremoto di magnitudo 7,2 che ha colpito Haiti. L’Ue sta mobilitando rapidamente il sostegno a questo paese già estremamente fragile, dove gli uragani e le forti piogge aggravano ancora di più la terribile situazione. Il terremoto colpisce in un momento in cui la pandemia di Covid-19 e la crescente insicurezza rappresentavano già una minaccia per il Paese. Siamo pronti a fornire ulteriore assistenza“.

Al fine di garantire l’intervento più rapido possibile, i fondi dell’Ue saranno attuati da partner umanitari già attivi nella risposta alle emergenze e sosterranno e rafforzeranno la loro capacità di fornire rapidamente aiuti umanitari agli haitiani più vulnerabili. Il finanziamento soddisferà i bisogni più immediati come la fornitura di assistenza medica agli ospedali locali sopraffatti, acqua, servizi igienico-sanitari, servizi di ricovero e protezione per le comunità più colpite e svantaggiate.