Clima, agosto 2021 il 3° più caldo mai registrato nel mondo: l’estate 2021 la più calda in Europa per un margine minimo

La temperatura media tra giugno e agosto 2021 in Europa è stata quasi 1°C superiore rispetto alla media del periodo 1991-2020: ad agosto 2021, temperature quasi nella media ma con grandi contrasti nel continente

MeteoWeb

Copernicus Climate Change Service (C3S), implementato da European Centre for Medium-Range Weather Forecasts per conto dell’Unione Europea, pubblica regolarmente bollettini meteo mensili relativi ai cambiamenti osservati nella temperatura dell’aria in superficie, la copertura del ghiaccio marino e variabili idrogeologiche. I risultati sono basati su analisi generate da computer usando miliardi di misurazioni da satelliti, navi, aerei e stazioni meteorologiche nel mondo. Ecco i bollettini relativi alla temperatura dell’aria in superficie ad agosto 2021 e nell’estate boreale.

Globalmente, agosto 2021 è stato, insieme ad agosto 2017, il terzo più caldo mai registrato per poco più di 0,3°C sopra la media 1991-2020. Per l’Europa, agosto 2021 è stato vicino alla media 1991-2020, ma con condizioni contrastanti sul continente: temperature massime da record nei Paesi del Mediterraneo, temperature più alte della media ad est e temperature generalmente sotto la media a nord. La temperatura media da giugno ad agosto in questo set di dati per l’Europa è stata quasi di 1°C sopra la media 1991-2020, che la rende l’estate più calda, sebbene le precedenti estati più calde del 2010 e del 2018 fossero solo di circa 0,1°C più fredde.

La temperatura ad agosto 2021 è stata vicina alla media 1991-2020 sull’Europa nel suo complesso. Ci sono state, tuttavia, notevoli variazioni termiche sul continente, con i settori meridionali e orientali a sperimentare condizioni più calde della media mentre il Nord Europa ha avuto condizioni più fredde della media. Durante l’ondata di caldo sull’Europa meridionale, l’11 agosto in Sicilia è stata registrata una temperatura di +48,8°C. Questa temperatura, se verificata dall’Organizzazione Meteorologica Mondiale, sarà la più alta temperatura mai registrata in Europa. L’ondata di caldo ha influenzato altri Paesi, inclusa la Spagna, e ha seguito il caldo estremo di agosto in Grecia e Turchia, che ha contribuito a condizioni ambientali favorevoli a devastanti incendi nell’area.

Altrove, condizioni più calde della media si sono verificate dal nord del Mar Nero fino alla Siberia, con le temperature più anomale nel nord del Mar Caspio. La Groenlandia ha avuto una grande anomalia calda e condizioni più calde della media sono state sperimentate anche nel Nord-Est del Nord America. Le temperature sul Nord Africa sono state più alte del normale e sono state in parte associate all’ondata di caldo nell’Europa meridionale.

Temperature più basse della media si sono verificate a nord della Baia di Hudson, in Canada, nell’Alaska settentrionale e nell’adiacente Mare di Beaufort, nel Messico nordorientale e in una fascia da est ad ovest in Mongolia e Cina fino alla Penisola Coreana.

Nell’emisfero meridionale, le temperature sono state sopra la media sulla maggior parte dell’Australia e le anomalie più grandi sono state registrate nel nord del Paese. Su gran parte del Sud America, le temperature sono state più alte della media. Temperature molto più alte della media sull’Antartide orientale, ma più basse della media sulla maggior parte dell’Antartide occidentale. Anche il Brasile orientale e l’Africa centro-meridionale hanno avuto temperature inferiori alla media.

Le temperature dell’aria hanno continuato ad essere sotto la media su grandi zone del Pacifico orientale tropicale e subtropicale. Il Pacifico settentrionale ha sperimentato in generale temperature sopra la media, come il Nord Atlantico extra-tropicale. Le temperature sono state generalmente più calde della media nell’Oceano Indiano e nel Mare di Weddell occidentale e immediatamente a nord nell’Atlantico meridionale, mentre temperature eccezionalmente fredde si sono verificate nell’Oceano Meridionale e a sud dell’Africa.

Globalmente, agosto 2021 è stato:

  • Di 0,31°C più caldo rispetto alla media 1991-2020 per agosto
  • Molto simile come temperatura ad agosto 2017, il che porta i due anni a pari merito come il terzo agosto più caldo mai registrato
  • Più freddo di solo 0,1°C rispetto all’agosto 2016, l’agosto più caldo mai registrato
  • Più freddo di solo 0,05°C rispetto all’agosto 2019, il secondo agosto più caldo.

La temperatura media europea per agosto 2021 è stata quasi nella media, con soli 0,02°C sotto la media 1991-2020. Questa è l’anomalia più bassa dall’agosto 2014, quando la temperatura media europea è stata di 0,11°C sotto il livello 1991-2020.

Estate boreale 2021

Credit: Copernicus Climate Change Service/ECMWF

Le temperature dell’estate boreale nel 2021 riflettono ampiamente quelle osservate ad agosto. In particolare, temperature sopra la media si sono verificate sulla maggior parte dell’Europa meridionale e orientale, in Nord Africa, Medio Oriente e Siberia settentrionale. Al contrario del pattern generale, le temperature estive nell’Europa settentrionale e occidentale non corrispondono fortemente a quelle di agosto. La forte anomalia positiva sul Nord America occidentale riflette l’ondata di caldo nella prima fase dell’estate.

Nell’Oceano Pacifico orientale tropicale e subtropicale, le temperature sono state al di sotto della media. La maggior parte dell’oceano extratropicale nel Nord Atlantico e nel Nord Pacifico è stata più calda della media. Le condizioni nell’Atlantico meridionale sono state generalmente calde, ma le restanti aree oceaniche nell’emisfero meridionale sono state più eterogenee, come le condizioni nel continente antartico.

La temperatura media giugno-agosto 2021 per l’Europa è stata di 0,96°C sopra la media 1991-2020 per la stagione, che segna l’estate boreale più calda in questo set di dati. Questa anomalia nel 2021 è solo di 0,1°C più alta delle due precedenti estati più calde del 2010 e 2018.

I 12 mesi da settembre 2020 ad agosto 2021

Credit: Copernicus Climate Change Service/ECMWF

Nei 12 mesi da settembre 2020 ad agosto 2021, le temperature sono state:

  • Sopra la media sulla maggior parte delle terre emerse e sulla maggior parte della superficie oceanica
  • Prevalentemente sopra la media 1991-2020 su Siberia settentrionale e gli adiacenti mari artici, Canada nordorientale, Nord America occidentale, Africa nordoccidentale, Medio Oriente e Altopiano Tibetano
  • Sopra la media su gran parte dell’Europa, di più ad est, e solo leggermente sotto la media su alcune zone del continente
  • Sotto la media sul Pacifico equatoriale orientale, dove l’evento di La Niña, che ha raggiunto il picco alla fine del 2020, domina la media dei 12 mesi
  • Sotto la media sul Nord Atlantico ad ovest dell’Irlanda e in diverse aree oceaniche dell’emisfero meridionale.

Globalmente, il periodo di 12 mesi fino ad agosto 2021 è stato di 0,28°C più caldo della media 1991-2020. Questa anomalia media sui 12 mesi è ben al di sotto della media di 0,46°C per i periodi di 12 mesi terminati nel settembre 2016 e a maggio e giugno 2020, i 3 periodi di 12 mesi più caldi in questo registro di dati. L’anno più caldo è il 2016, con una temperatura di 0,44°C sopra la media 1991-2020. Il 2020 è a pari merito con il 2016, essendo più freddo di meno di 0,01°C. Il terzo anno più caldo è il 2019: la sua temperatura è stata di 0,40°C sopra la media.

In Europa, la temperatura media per il periodo di 12 mesi fino ad agosto 2021 è di 0,6°C sopra la media 1991-2020. Il 2020 è l’anno più caldo mai registrato in Europa, con una temperatura di 1,2°C sopra la media 1991-2020.