Covid, gli anestesisti rianimatori: “varianti, contagi, efficacia e durata dei vaccini sono incognite. Impossibile prevedere cosa succederà in autunno”

Alessandro Vergallo, presidente nazionale dell'Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani, fa il punto sulla situazione Covid nei reparti d'Italia in vista dell'autunno

MeteoWeb

Assisteremo ad un aumento dei casi in terapia intensiva ancora per qualche settimana, ma è davvero difficile fare delle previsioni per l’autunno perché ci sono troppi fattori in ballo“. Lo spiega all’Adnkronos Salute Alessandro Vergallo, presidente nazionale dell’Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani (Aaroi-Emac), facendo il punto della situazione. La Sicilia, già in zona gialla, “è la Regione coi numeri peggiori per quanto riguarda ricoveri in intensiva di pazienti Covid” ma anche la Sardegna “rischia la zona gialla“. “Su scala nazionale – prosegue Vergallola media di occupazione dei posti letto in rianimazione è al 6% e al 7% quella per le aree non critiche”, laddove le soglie massime, fissate dai nuovi parametri per il passaggio in zona gialla, sono rispettivamente del 10% e del 15%. Uno dei punti ‘critici’, secondo gli anestesisti, “è il numero reale dei posti letto Covid in terapia intensiva oggi disponibili, pensiamo che in questi mesi siano stati ridotti per riportarli nella gestione ordinaria“. Ma cosa accadrà nei prossimi mesi nelle rianimazioni? “E’ arduo immaginarlo – rimarca il presidente nazionale dell’Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri italiani – ci sono tanti fattori: le varianti più contagiose, l’efficacia dei vaccini e la loro durata, l’andamento della diffusione del contagio, la riapertura delle scuole e di tutte le attività lavorative. Quindi – conclude – immaginare oggi quale sarà l’effetto di questi fattori sugli ospedali è molto difficile“.