Covid, non solo vaccini: 9 vecchi farmaci bloccano il virus

Alcuni farmaci già approvati per altri scopi terapeutici si sono mostrati in grado di bloccare Sars-CoV-2

MeteoWeb

Per combattere la pandemia di Sars-CoV-2 servono anche altre armi oltre ai vaccini: secondo Adam Pickard e Karl Kadler, ricercatori dell’università di Manchester, tra queste potrebbero esserci 9 farmaci già approvati negli Stati Uniti per altri scopi terapeutici, che in laboratorio si sono mostrati in grado di bloccare il virus Sars-CoV-2 nelle cellule umane.
La ricerca è stata pubblicata su PLOS Pathogens.
Gli scienziati hanno cercato di identificare i composti che possono trattare efficacemente il Covid, dato che la maggior parte della popolazione mondiale non è ancora vaccinata, e i medicinali considerati sicuri sono pochi: gli esperti hanno quindi passando in rassegna 1971 farmaci approvati dalla Food and Drug Administration americana utilizzando una versione del nuovo Coronavirus contrassegnato con un enzima luminescente per quantificare la carica virale. Successivamente i ricercatori hanno analizzato l’efficacia dei composti su vari tipi di cellule umane infettate, osservando la capacità di replicazione di Sars-CoV-2 al loro interno dopo essere stato esposto ad ognuno di questi farmaci.
I ricercatori hanno quindi potuto identificare 9 farmaci in grado di bloccare la replicazione del virus sulle cellule infettate.
Va chiarito che si tratta di uno studio al momento limitato, in quanto condotto solo su cellule umane e utilizzando farmaci la cui efficacia deve essere ancora verificata sui malati di Covid: saranno necessarie sperimentazioni cliniche per stabilire se possono rappresentare terapie idonee.

Il nostro studio ha identificato dei composti che sono sicuri sull’essere umano ed efficaci nel ridurre l’infezione da Sars-CoV-2 e la sua replicazione nelle cellule umane. Poiché questi farmaci sono già stati approvati dall’FDA e con un dosaggio sicuro già stabilito per i pazienti, le sperimentazioni cliniche potrebbero iniziare in un tempo relativamente breve,” hanno evidenziato i ricercatori.

Tra i farmaci che hanno mostrato di potere bloccare la replicazione del virus figura l’ebastina, approvata per il trattamento dello Pneumocystis jirovecii (un fungo patogeno causa di polmonite nelle persone immunodepresse) e la vitamina D3, disponibile come prodotto da banco.