DiaSorin lancia nuovo test molecolare per distinguere il Covid dall’influenza

DiaSorin ha lanciato un nuovo test molecolare che permette di distinguere il Covid-19 dal virus dell'influenza A e B

MeteoWeb

DiaSorin ha lanciato, nei Paesi che accettano la marcatura CE, il nuovo test Simplexa COVID-19 & Flu A/B Direct che consente l’identificazione differenziale tra Covid-19 e il virus dell’influenza A e B.
Il test è approvato per l’utilizzo sulla piattaforma Liaison Mdx, viene eseguito direttamente sul campione raccolto tramite tampone nasofaringeo senza richiedere alcun processo di estrazione e sarà presentato alla Food and Drug Administration statunitense per ottenere l’approvazione,” si spiega in una nota.

Il test è approvato per l’identificazione di più di 80 varianti del virus dell’influenza ed è in grado di identificare il virus Sars-CoV-2 anche nelle nuove varianti, incluse la Alpha, la Beta, la Gamma, la Delta, la Epsilon, la Zeta, la Eta, la Iota, la Kappa, la Lambda e la Mu.

Il numero di casi di Influenza nel corso della stagione 2020/2021 è stato estremamente esiguo: ciò comporta un ridotto grado di immunità della popolazione rispetto agli anni passati e quindi un maggior rischio di diffusione nel corso della prossima stagione influenzale. “L’identificazione puntuale del virus che causa l’infezione è infatti fondamentale per la gestione delle terapie a cui sottoporre il paziente e per l’applicazione della corretta profilassi per evitare la diffusione del virus,” precisa la nota.

L’estensione della nostra offerta di prodotti molecolari con il lancio di questo kit per il rilevamento combinato dei virus dell’influenza e del SARS-CoV-2 arricchisce ulteriormente il nostro menu di test in risposta alle attese criticità che emergeranno nel corso della prossima stagione influenzale“, spiega Michelle Tabb, Chief Scientific Officer di DiaSorin Molecular. “Il nuovo test molecolare multiplex lanciato oggi, in aggiunta al già esistente test per l’identificazione del COVID-19 e a quello combinato per la diagnosi differenziale del virus dell’influenza di tipo A, B e dell’RSV, garantirà ai laboratori un prezioso supporto nella lotta alla pandemia verso l’auspicato ritorno alla normalità“.