Il Sole inizia la giornata con un’esplosione: brillamento diretto verso la Terra, blackout temporaneo nel Pacifico

La macchia solare AR2864 ha generato un brillamento solare di classe C2, disturbata la propagazione radio a onde corte nelle coste Pacifico

MeteoWeb

La giornata oggi è iniziata con un’esplosione solare: subito dopo la mezzanotte UTC dell’8 settembre, la macchia solare AR2864 ha generato un brillamento solare di classe C2.

Un impulso di radiazione UV ha ionizzato l’atmosfera terrestre, disturbando brevemente la propagazione radio a onde corte nelle coste Pacifico.

mappa blackout

L’esplosione potrebbe aver scagliato un’espulsione di massa coronale nello Spazio: la conferma è attesa nelle prossime ore, con l’arrivo dei nuovi dati dal telescopio Solar and Heliospheric Observatory ESA/NASA.

Cos’è un’espulsione di massa coronale

Un’espulsione di massa coronale (CME, acronimo dell’inglese coronal mass ejection) è un’espulsione di materiale dalla corona solare. Il materiale espulso, sotto forma di plasma, è costituito principalmente da elettroni e protoni: quando questa nube raggiunge la Terra può disturbare la sua magnetosfera.

Cos’è una tempesta geomagnetica

Quando sul Sole si verificano fenomeni di attività improvvisa e violenta, come i brillamenti, vengono emesse grandi quantità di particelle ad alta energia che viaggiano velocemente nello Spazio, a volte scagliate in direzione della Terra: questa corrente di particelle viene frenata e deviata dal campo magnetico terrestre, che a sua volta ne viene disturbato e distorto.
Quando avviene questo “impatto” la magnetosfera terrestre (la regione attorno alla Terra pervasa dall’azione del suo campo magnetico) subisce un forte contraccolpo che può causare blackout temporanei nelle reti elettriche o nei sistemi satellitari di comunicazioni. Alle tempeste geomagnetiche è anche associato il ben noto fenomeno delle aurore polari.