Trombosi, miocardite, pericardite, sindrome di Guillain-Barré, coaguli di sangue: ogni vaccino ha i suoi eventi avversi. I dati del CDC

Gli eventi avversi più gravi dovuti ai vaccini si verificano da poche ore a due settimane dopo la vaccinazione e in base al tipo di vaccino, colpiscono di più alcune categorie di individui invece che altre

MeteoWeb

Il CDC (Centers for Disease Control and Prevention), ha pubblicato un importante documento riportante gli eventi avversi segnalati dopo la vaccinazione COVID-19.

Per la consapevolezza del pubblico e nell’interesse della trasparenza, CDC fornisce aggiornamenti tempestivi sui seguenti eventi avversi gravi di interesse”, si legge nel documento. L’anafilassi dopo la vaccinazione contro il COVID-19 è rara e si è verificata in circa 2-5 persone per milione di vaccinati negli Stati Uniti. Dopo qualsiasi vaccinazione possono verificarsi gravi reazioni allergiche, inclusa l’anafilassi, precisa il documento. Se ciò si verifica, gli operatori della vaccinazione possono trattare la reazione in modo efficace e immediato.

Nello specifico, la trombosi con sindrome da trombocitopenia (TTS) dopo la vaccinazione contro il COVID-19 di Johnson & Johnson Janssen (J&J/Janssen) è rara. Al 1° settembre 2021, negli Stati Uniti sono state somministrate più di 14,3 milioni di dosi del vaccino J&J/Janssen COVID-19. CDC e FDA hanno identificato 45 segnalazioni confermate di persone che hanno ricevuto il vaccino J&J/Janssen COVID-19 e in seguito hanno sviluppato TTS. Le donne di età inferiore ai 50 anni, in particolare, dovrebbero essere consapevoli del rischio raro ma aumentato di questo evento avverso. Ci sono altre opzioni di vaccino COVID-19 disponibili per le quali questo rischio non è stato visto.

Ad oggi, sono stati segnalati al VAERS due casi confermati di TTS in seguito alla vaccinazione mRNA COVID-19 (Moderna) dopo più di 356 milioni di dosi di vaccini mRNA COVID-19 somministrati negli Stati Uniti. Sulla base dei dati disponibili, non vi è un aumento del rischio di TTS dopo la vaccinazione con mRNA COVID-19.
CDC e FDA stanno monitorando i rapporti sulla sindrome di Guillain-Barré (GBS) in persone che hanno ricevuto il vaccino J&J/Janssen COVID-19. La GBS è una malattia rara in cui il sistema immunitario danneggia le cellule nervose, causando debolezza muscolare e talvolta paralisi. La maggior parte delle persone guarisce completamente da GBS, ma alcune hanno danni permanenti ai nervi. Dopo oltre 14,3 milioni di dosi di vaccino J&J/Janssen COVID-19 somministrate, ci sono state circa 185 segnalazioni preliminari di GBS identificate a partire dal 1 settembre 2021. Questi casi sono stati in gran parte segnalati circa 2 settimane dopo la vaccinazione e principalmente negli uomini, molti 50 anni e più. “Il CDC continuerà a monitorare e valutare le segnalazioni di GBS che si verificano dopo la vaccinazione COVID-19 e condividerà ulteriori informazioni non appena saranno disponibili“, precisa il documento.

La miocardite e la pericardite dopo la vaccinazione contro il COVID-19 sono rare. Al 1 settembre 2021, VAERS ha ricevuto 1.404 segnalazioni di miocardite o pericardite tra persone di età pari o inferiore a 30 anni che hanno ricevuto il vaccino COVID-19. La maggior parte dei casi è stata segnalata dopo la vaccinazione con mRNA COVID-19 (Pfizer-BioNTech o Moderna), in particolare negli adolescenti maschi e nei giovani adulti. Attraverso il follow-up, comprese le revisioni delle cartelle cliniche, CDC e FDA hanno confermato 817 segnalazioni di miocardite o pericardite. CDC e i suoi partner stanno studiando questi rapporti per valutare se esiste una relazione con la vaccinazione COVID-19.

Le segnalazioni di morte dopo la vaccinazione COVID-19 sono rare, sottolinea CDC. Più di 375 milioni di dosi di vaccini COVID-19 sono state somministrate negli Stati Uniti dal 14 dicembre 2020 al 7 settembre 2021. Durante questo periodo, il VAERS ha ricevuto 7.439 segnalazioni di morte (0,0020%) tra le persone che hanno ricevuto un COVID-19. vaccino. La FDA richiede agli operatori sanitari di segnalare al VAERS qualsiasi decesso dopo la vaccinazione COVID-19, anche se non è chiaro se il vaccino ne sia la causa. Le segnalazioni di eventi avversi al VAERS a seguito della vaccinazione, inclusi i decessi, non significano necessariamente che un vaccino abbia causato un problema di salute. Una revisione delle informazioni cliniche disponibili, inclusi certificati di morte, autopsia e cartelle cliniche, non ha stabilito un nesso causale con i vaccini COVID-19. Tuttavia, rapporti recenti indicano una relazione causale plausibile tra il vaccino J&J/Janssen COVID-19 e la TTS, un evento avverso raro e grave (coaguli di sangue con piastrine basse) che ha causato decessi.