Il futuro dei voli spaziali e suborbitali protagonista all’aeroporto di Grottaglie, “comincia la costruzione della cultura dell’aerospazio”

Dall'aeroporto di Grottaglie "comincia la costruzione della cultura dell'aerospazio nella vita quotidiana delle persone"

MeteoWeb

Tre giornate di tavole rotonde, incontri ‘b2b’ e dimostrazioni di volo per discutere delle nuove frontiere dell’aerospazio e anche per fare incontrare le start-up con gli investitori: l’evento MAM – Mediterranean aerospace matching – si terrà nell’aeroporto Arlotta di Grottaglie (Taranto) dal 22 al 24 settembre.
Boeing, Leonardo, Lockheed Martin e Avio Aero sono alcuni dei partecipanti. I droni e le innovazioni rappresentano il tema principale, in quanto simbolo di una nuova mobilità di persone e merci. Per tante start-up il MAM sarà l’occasione per incontrare operatori internazionali attraverso la piattaforma digitale Fiera Smart 365.
Oggi, durante la conferenza stampa di presentazione, è intervenuto, in collegamento, il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, Giorgio Saccoccia: “La prossima sarà una settimana importante per lo Spazio che nel mondo rappresenta veramente la nuova frontiera, una prospettiva di sviluppo economico e in cui l’Italia gioca un ruolo significativo e siamo ben contenti di sottolineare anche il ruolo regionale in particolare della Puglia con questo evento. La prossima settimana il G20 parla di Spazio, gli eventi cominceranno qui a Roma lunedì con gli incontri tra i capi delle agenzie spaziali del G20, proseguiranno con altri incontri e dibattiti. E poi ci spostiamo in Puglia con il MAM“. “Il 23 – ha detto ancora Saccoccia – sarà la giornata dedicata allo Spazio, nella quale con gli organizzatori abbiamo strutturato gli interventi in maniera da parlare delle grandi opportunità che abbiamo di fronte. Parleremo innanzitutto di trasporto spaziale che è la grande sfida del futuro: poter arrivare nello Spazio con sistemi più flessibili, più economici è la sfida del momento. Parlare di trasporto spaziale vuol dire anche aprire le porte a quello che sarà il futuro trasporto terrestre e anche nell’ottica di far sì che anche l’Italia in un futuro speriamo non troppo lontano abbia un luogo da cui partire e arrivare in un network di trasporti spaziali e suborbitali e vorremmo che Grottaglie fosse il primo“. “Nel Pnrr – ha ricordato Saccoccia – ci sono importanti risorse destinate allo Spazio e approfitteremo dell’appuntamento di Grottaglie per dare un aggiornamento su quello che vogliamo fare e in particolare parleremo delle fabbriche spaziali del futuro che vogliamo realizzare in Italia grazie agli investimenti del Pnrr e che ci auguriamo possano trovare una loro opportunità anche in Puglia e nel Sud Italia“.
Il 23 avrà luogo anche un approfondimento su Space Rider, il progetto europeo per una navetta riutilizzabile: “Space Rider – ha spiegato Saccoccia – è motivo di orgoglio per l’Italia perché è un progetto sviluppato dall’Agenzia spaziale europea su iniziativa e su forte spinta dell’Agenzia spaziale italiana, con l’industria italiana alla guida e che è il primo veicolo candidato per Grottaglie come base di rientro. Sarà una giornata intensa e stimolante, con i grandi player del turismo spaziale“.

mam grottaglie

Nel 2017 un po’ tutti ci prendevano in giro perché Emiliano si era innamorato dello Spazio e mi rappresentavano vestito da astronauta. Non potevano immaginare che, come spesso la Puglia fa, quando dice una cosa poi prosegue il suo cammino con coerenza e determinazione,” ha affermato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, intervenendo alla presentazione del MAM. “La Puglia – ha aggiunto – ha l’unica struttura europea adatta a partecipare a questa grande competizione che consentirà di mettere in orbita satelliti che saranno indispensabili alla domotica necessaria in tutti gli ambiti, dalla scuola alla sanità“. Questo evento “comincia con umiltà, in seguito allo sforzo che stiamo facendo per dare una destinazione all’aeroporto di Grottaglie che, ovviamente, servirà anche ai voli di linea se ci sarà la convenienza e l’utilità da parte delle compagnie“.  “La destinazione aerospaziale dell’aeroporto di Grottaglie si aggiunge all’innovazione tecnologica che Grottaglie compirà“. “Oggi – ha concluso Emiliano – comincia la costruzione della cultura dell’aerospazio nella vita quotidiana delle persone“.

Il Mam è un evento ideato e progettato dal Dta, il Distretto tecnologico aerospaziale, che ha tra gli organizzatori ha Regione Puglia, Ita (Italian Trade Agency), Asi (Agenzia Spaziale Italiana), Enac (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile), Aeroporti di Puglia (AdP), Arti (Agenzia regionale per la Tecnologia e l’Innovazione) e Puglia Sviluppo, con la partnership di Leonardo e Intesa Sanpaolo.