L’AIFA dà l’ok alla terza dose di vaccino: si inizia dagli immunodepressi

Somministrazione delle terze dosi al via a fine settembre: si inizia con gli immunodepressi ma poi anche anziani in Rsa e operatori sanitari più esposti

MeteoWeb

E’ arrivato l’ok della Commissione tecnico scientifica (Cts) dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) alla terza dose di vaccino anti-Covid. E’ quanto apprende l’Adnkronos Salute da fonti qualificate. Si partirà a fine settembre con i pazienti immunodepressi (ad esempio i trapiantati, chi è in terapia oncologica o in trattamento per sclerosi multipla), ma il ‘booster’ riguarderà anche gli anziani in Rsa e gli operatori sanitari più a rischio di esposizione al contagio.

Per quanto riguarda il resto della popolazione, l’AIFA attenderà le conclusioni dell’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) sulla questione della terza dose, che potrebbero arrivare tra un mese.

Secondo quanto si apprende da fonti di governo, entro fine anno – probabilmente a dicembre – inizierà la somministrazione agli anziani over 80 e all’inizio del prossimo anno – tra gennaio e febbraio – agli operatori sanitari.

Potrebbero essere circa 500mila i soggetti considerati molto fragili che rientreranno nella prima tranche, con somministrazioni da fine settembre a ottobre. A dicembre potrebbe poi toccare agli over 80 (4,2 milioni) e agli ospiti delle Residenze per anziani, circa 350mila. A gennaio potrebbe quindi essere la volta degli operatori sanitari, 1,85 milioni. In ogni caso il richiamo avverrà con vaccini a mRna attualmente in uso, ovvero con Pfizer o Moderna.