Le diete ricche di grassi “rompono” l’orologio biologico

La nuova ricerca potrebbe essere una pietra miliare per futuri studi clinici che potrebbero ripristinare il corretto funzionamento dell'orologio biologico nel cervello

MeteoWeb

Quando ratti vengono nutriti con una dieta ricca di grassi, questa disturba l’orologio biologico nel loro cervello che normalmente controlla la sazietà, portando a eccesso di cibo e obesità: è quanto ha scoperto una nuova ricerca pubblicata su The Journal of Physiology.

Il numero di persone con obesità è quasi triplicato in tutto il mondo dal 1975: la condizione può portare a molte altre malattie come il diabete di tipo 2, malattie cardiache, ictus e alcuni tipi di cancro.
La nuova ricerca potrebbe essere una pietra miliare per futuri studi clinici che potrebbero ripristinare il corretto funzionamento dell’orologio biologico nel cervello, per evitare gli eccessi alimentari.

Storicamente si è ritenuto che l’orologio biologico principale fosse localizzato solo in una parte del cervello chiamata ipotalamo. Tuttavia, ulteriori ricerche nel corso degli anni hanno chiarito che parte del controllo dei ritmi quotidiani del nostro corpo (livelli ormonali, appetito, ecc.) si trova in diverse altre parti del cervello e del corpo, incluso un gruppo di neuroni nell’antico tronco cerebrale evolutivo, chiamato complesso dorsale vagale.
In particolare, è stato dimostrato che quest’ultimo controlla l’assunzione di cibo inducendo la sazietà.

La ricerca ha anche dimostrato che nell’obesità, i ritmi quotidiani nell’assunzione di cibo e il rilascio di ormoni legati all’alimentazione, sono smorzati o eliminati. Tuttavia, non è chiaro se il malfunzionamento dei centri cerebrali che controllano l’appetito sia una causa o il risultato dell’obesità.

Questa nuova ricerca condotta presso l’Università Jagellonica di Cracovia in collaborazione con l’Università di Bristol ha scoperto che i ratti nutriti con una dieta ricca di grassi, prima che iniziassero ad aumentare di peso, mostravano cambiamenti nei ritmi neuronali quotidiani del complesso dorsale vagale e nella risposta di questi neuroni agli ormoni dell’appetito. Pertanto, i ricercatori sostengono che il disturbo nella misura del tempo del complesso dorsale vagale porti all’obesità, piuttosto che essere il risultato di un peso corporeo eccessivo.

La ricerca è stata condotta su due gruppi di ratti: quelli alimentati con una dieta di controllo ben bilanciata (10% kcal derivanti dal grasso) e una dieta ricca di grassi (70% kcal derivanti dal grasso).

Per imitare l’impatto di una dieta errata sugli esseri umani, i ricercatori hanno introdotto la nuova dieta sui ratti adolescenti (di 4 settimane) e hanno monitorato la loro assunzione di cibo per 24 ore per quattro settimane consecutive.

Sono state eseguite registrazioni elettrofisiologiche per misurare come l’attività neuronale del complesso dorsale vagale cambiava nelle 24 ore.
Va chiarito che sebbene il tronco cerebrale umano e quello del topo condividano caratteristiche comuni, il principale limite dello studio per la sua immediata trasposizione nell’uomo è che è stato eseguito su animali notturni. Il picco dell’attività del complesso dorsale vagale è stato osservato alla fine della giornata, che è la fase di riposo per i roditori, ma una fase attiva per le persone. Pertanto, resta da stabilire se la fase dell’orologio del tronco cerebrale è impostata su giorno e notte, o se dipende da schemi di riposo e attività.

Questo studio apre nuove opportunità di ricerca per cercare di stabilire la strategia su come ripristinare la funzione dell’orologio biologico del complesso dorsale vagale e quindi aiutare a combattere l’obesità.

Il dottor Lukasz Chrobok, primo autore dello studio, ha dichiarato: “Sono davvero entusiasta di questa ricerca a causa delle possibilità che offre per affrontare il crescente problema di salute dell’obesità. Non sappiamo ancora quali siano i segnali temporali in grado di azzerare o sincronizzare l’orologio del tronco cerebrale. Si spera che il ripristino dei ritmi quotidiani in questo centro di sazietà prima o dopo l’insorgenza dell’obesità possa fornire nuove opportunità terapeutiche“.