Lingua italiana, l’Accademia della Crusca boccia schwa e asterisco: “Meglio il maschile plurale”

Secondo i linguisti italiani "sesso biologico e identità di genere sono cose diverse dal genere grammaticale"

MeteoWeb

Maschile, femminile, neutro, singolare, plurale. I cambiamenti sociali stanno portando ad osteggiate modifiche della lingua italiana. E’ sempre più diffusa l’abitudine, ad esempio, di utilizzare l’asterisco o la schwa (“e” capolvolta) per non definire il sesso maschile o femminile. Ma l’Accademia della Crusca cosa ne pensa? Secondo i linguisti sarebbe meglio ricorrere al maschile plurale. La secolare istituzione fiorentina incaricata di custodire il ‘tesoro’ della lingua italiana è intervenuta sul tema legato al genere dopo molte sollecitazioni, in particolare sull’uso dell’asterisco, dello schwa o di altri segni che ‘opacizzano’ le desinenze maschili e femminili.

Come spiega il linguista accademico Paolo D’Achille: “È senz’altro giusto, e anzi lodevole, quando parliamo o scriviamo, prestare attenzione alle scelte linguistiche relative al genere, evitando ogni forma di sessismo linguistico. Ma non dobbiamo cercare o pretendere di forzare la lingua – almeno nei suoi usi istituzionali, quelli propri dello standard che si insegna e si apprende a scuola – al servizio di un’ideologia, per quanto buona questa ci possa apparire“.

L’Accademia della Crusca pertanto ricorda che “l’italiano ha due generi grammaticali, il maschile e il femminile, ma non il neutro, così come, nella categoria grammaticale del numero, distingue il singolare dal plurale, ma non ha il duale, presente in altre lingue, tra cui il greco antico. Dobbiamo serenamente prenderne atto, consci del fatto che sesso biologico e identità di genere sono cose diverse dal genere grammaticale. Forse, un uso consapevole del maschile plurale come genere grammaticale non marcato, e non come prevaricazione del maschile inteso come sesso biologico (come finora è stato interpretato, e non certo ingiustificatamente), potrebbe risolvere molti problemi, e non soltanto sul piano linguistico. Ma alle parole andrebbero poi accompagnati i fatti“.

Bocciando il ricorso all’asterisco e allo schwa (giudicato impraticabile sotto i profili della grafia, della fonetica, della morfologia e della sintassi) il professore Paolo D’Achille, suggerisce il ricorso al maschile plurale come genere grammaticale non marcato per risolvere la questione ‘politica’ del genere. Nell’italiano standard il maschile al plurale è “da considerare come genere grammaticale non marcato“, per esempio nel caso di participi o aggettivi in frasi come “Maria e Pietro sono stanchi” o “mamma e papà sono usciti“. Inoltre, se dico “stasera verranno da me alcuni amici” non significa affatto che la compagnia sarà di soli maschi (invece se dicessi “alcune amiche”, si tratterebbe soltanto di donne). Se qualcuno dichiara di avere “tre figli”, sappiamo con certezza solo che tra loro c’è un maschio (diversamente dal caso di “tre figlie”), a meno che non aggiunga “maschi”.