Sindrome della morte in culla: neonato di 49 giorni trovato morto dai genitori nel Vercellese

Il piccolo Nicolò, di appena 49 giorni, è stato ritrovato morto nella sua culla dai genitori: con ogni probabilità, si tratta della sindrome della morte in culla

MeteoWeb

Il paese di Trino Vercellese, in Piemonte, saluta il piccolo Nicolò, di appena 49 giorni, vittima con ogni probabilità della Sids, la sindrome della morte in culla, una morte improvvisa e inspiegabile che in Italia colpisce lo 0,5% dei neonati.

La morte del piccolo risale ad una decina di giorni fa, ma prima del via libera ai funerali, che verranno celebrati  venerdì 10 settembre nella chiesa parrocchiale, è stato necessario eseguire accertamenti medici per stabilire la causa del decesso del neonato. La Sids (Sudden Infant Death Syndrome o morte improvvisa del lattante) è la morte improvvisa e inspiegabile di un bambino al di sotto dell’anno di età. È più frequente tra uno e cinque mesi di età e rappresenta una delle cause principali di morte nel primo anno di vita.

Nicolò era l’ultimo di quattro figli di una famiglia di Trino, paese d’origine della mamma e dei nonni materni.