Papa Francesco, l’intervento e i rumors su un tumore: “Mi hanno tolto 33 centimetri di intestino”

"Ogni volta che un Papa è malato c’è sempre una brezza o un uragano di Conclave", ha dichiarato Francesco in maniera pungentemente ironica

MeteoWeb

Un intervento al colon ad inizio luglio, un’operazione chirurgica che ha richiesto numerose ore di sala operatoria e in seguito una degenza di dieci giorni. Poi è arrivato anche il divieto di lavorare, ma lui lo ha puntualmente trasgredito. Papa Francesco ha fatto preoccupare molti fedeli e non solo, ma ora l’allarme sembra essere rientrato. O almeno così dice lui. Già, perché dal punto di vista della comunicazione questo problema di salute del Pontefice è stato gestito dal Vaticano in maniera frammentaria, incompleta, quasi ermetica. E a chiedere di non riferire molto alla stampa sarebbero stati proprio i medici che lo hanno operato.

Questo però, come ci si poteva attendere, ha portato a numerose illazioni attorno all’operazione di papa Francesco, giunta in seguito ad una stenosi diverticolare. In particolare si sono diffuse le voci di un tumore e niente meno che di dimissioni imminenti da parte di Bergoglio. Ora lui stesso, che in quanto a capacità comunicative bagna il naso ad addetti stampa e social media manager vari, ha deciso di fare un minimo di chiarezza. “Dimissioni? Non mi è nemmeno passato per la testa!“, ha dichiarato nel corso di un’intervista rilasciata alla radio spagnola Cope.

Mi hanno tolto 33 centimetri di intestino, ora posso mangiare tutto”, ma solo “prendendo i medicinali” adatti. E non solo: Francesco sembra fisicamente in forma, deambula da solo e a breve partirà per la Slovacchia e l’Ungheria. All’orizzonte, ma questo ancora è in forse, si prospetta anche un viaggio in Grecia e a Cipro.  Programmi per il futuro, dunque, e nessuna traccia di stop dovuto alla salute. “Ogni volta che un Papa è malato c’è sempre una brezza o un uragano di Conclave”, ha dichiarato in maniera pungentemente ironica. Francesco si riferiva in particolare alle azioni dei soliti ‘noti’ oppositori, che hanno palesato addirittura consultazioni per un ipotetico successore.

Il Papa non ha comunque rivelato quale patologia lo abbia condotto in una sala operatoria, sebbene la ripresa sembra positiva. In ogni caso Francesco rassicura che non ci lascerà.

Il Papa ha poi spiegato al giornale spagnolo che per istituzionalizzare in maniera più decisa la figura del Papa ’emerito’, a breve verranno pubblicate nuove norme. Verranno riscritte le regole del Conclave, perché di fatto quello di Ratzinger è un precedente che nella Chiesa cattolica non ha eguali, e dunque le norme in merito vanno ampliate e legalizzate.