Pinguini giganti: quanto erano grandi e perché si sono estinti

Perché i pinguini giganti si sono estinti? In che periodo sono vissuti? Quanto erano grandi? A cosa erano dovute le loro dimensioni?

MeteoWeb

Recentemente, un gruppo di studenti neozelandesi ha scoperto una specie completamente nuova di antico pinguino gigante durante una gita scolastica sulla costa occidentale dell’Isola del Nord.
Mentre i resti del pinguino gigante sono stati scoperti nel 2006, Kairuku waewaeroa è stato ufficialmente dichiarato una nuova specie la scorsa settimana.
Confrontando la specie appena scoperta con i suoi parenti stretti, notiamo che ha le gambe proporzionalmente più lunghe, quindi abbiamo chiamato la specie waewaeroa, o gambe lunghe“, ha spiegato Daniel Thomas, docente di zoologia presso la Massey University e coautore dello studio che descrive Kairuku waewaeroa. “L’uccello ha una serie di altre sottili differenze, come un gomito leggermente più arrotondato rispetto ai suoi parenti stretti. Il cranio del nuovo ritrovamento non è stato conservato, ma ci aspetteremmo avesse un lungo becco simile a una lancia come si osserva in altri pinguini giganti“.

Altri pinguini giganti? In effetti, Kairuku waewaeroa segue una lunga serie di scoperte di antichi pinguini giganti, molti provenienti dalla Nuova Zelanda.
Almeno 10 specie di pinguini antichi erano più grandi del pinguino imperatore vivente e sono quindi considerate giganti se confrontate con le specie di pinguini viventi.
Diversi pinguini giganti sono ora conosciuti da Aotearoa e in effetti il ​​primo pinguino antico mai descritto era di Te Waipounamu (Isola del Sud della Nuova Zelanda). Tuttavia, rocce di età simile in Sud America e in Antartide hanno prodotto la propria specie di pinguini giganti“, ha proseguito Thomas.

Il territorio legato ai pinguini giganti della Nuova Zelanda ha a che fare con il continente “scomparso” Zealandia: “Dopo essersi staccata dal resto del Gondwana più di 80 milioni di anni fa, la Zealandia si è spostata verso nord e verso est e ha iniziato ad affondare. Quando alla fine la massa continentale è stata sollevata, ha portato con sé una quantità di sedimenti marini ricchi di fossili“.

Quanto sono diventati grandi questi pinguini giganti?

I pinguini giganti estinti più conosciuti sono Kumimanu biceae e Palaeeudyptes klekowskii, che erano più alti di Kairuku waewaeroa di 10 cm o più.
Kumimanu biceae è stato scoperto a Otago, nel sud della Nuova Zelanda, misurava 1,65 metri di altezza e pesava 100 kg, mentre Palaeeudyptes klekowskii, trovato in Antartide, era alto circa 2 metri e pesava ben 115 kg.
Queste dimensioni variabili tra i pinguini giganti estinti sollevano alcune domande interessanti per scienziati come Thomas. “Perché c’era una diversità di dimensioni del corpo tra i pinguini giganti e ci sono state diverse dimensioni ottimali in momenti diversi in passato? Scoperte future potrebbero fornire risposte a queste domande“, ha affermato.

Quanto tempo fa sono esistiti i pinguini giganti?

I fossili di pinguino gigante trovati finora risalgono al periodo del Paleogene (66-23 milioni di anni fa).
Il record più antico che abbiamo di un pinguino gigante è Kumimanu biceae a 60-56 milioni di anni fa, mentre Kairuku waewaeroa è uno dei più recenti a 34-27 milioni di anni fa.

Perché questi pinguini erano giganteschi?

Secondo Thomas, non abbiamo una chiara spiegazione del motivo per cui questi pinguini fossero più grandi delle specie viventi, ma ci sono alcune teorie, inclusa quella secondo la quale un aumento delle dimensioni del corpo migliora l’isolamento termico per i pinguini.
Sappiamo che l’aumento delle dimensioni corporee migliora l’isolamento termico di un animale e gli esemplari più grandi hanno spesso un rapporto superficie/volume proporzionalmente inferiore“, ha spiegato Thomas. “Questo rapporto è particolarmente importante per gli animali marini a sangue caldo: anche l’acqua calda può dissipare il calore dal loro corpo abbastanza rapidamente. Considerate la superficie dell’animale come l’interfaccia attraverso la quale si perde il calore, e il volume dell’animale come la fonte del calore dell’animale. Se ha un rapporto superficie/volume inferiore, allora ha un grande volume per generare calore e una superficie proporzionalmente più piccola per disperdere calore.
Diventare gigante significa poter stare in acqua più a lungo prima di subire gli effetti dell’ipotermia“.
Poi ci sono altre teorie: “Forse le grandi dimensioni del corpo erano invece legate al foraggiamento. Essere più pesanti, o avere pinne più grandi e più potenti, potrebbe aver aiutato i pinguini giganti ad accedere ad habitat di foraggiamento più profondi di quelli che sono oggi accessibili ai pinguini moderni. O forse essere più grandi ha permesso a questi pinguini giganti di essere transoceanici, e un giorno potremmo trovare fossili di Kairuku waewaeroa in altre parti del mondo“.

Perché i pinguini giganti si sono estinti?

Semplicemente non lo sappiamo, ma secondo Thomas è successo nel periodo in cui i delfini hanno iniziato a diversificarsi, “quindi forse c’era un’interazione ecologica che non era favorevole per i pinguini: esclusione competitiva, predazione diretta o forse entrambi?