Previsioni Meteo, domenica temporalesca in diverse regioni: attesi accumuli fino a 100/120 mm, rischio dissesti e allagamenti

Previsioni Meteo: attacco perturbato dalla Francia che, però, non interesserà tutta Italia. Il tempo asciutto continuerà a interessare molti settori, con clima anche piuttosto caldo. Tutti i dettagli per l'ultima domenica di settembre

MeteoWeb

Conferme anche dalle ultimissime previsioni meteo, circa un tempo piuttosto variegato sul nostro paese per l’ultima domenica di settembre, quella di domani 26. A comportare una sostanziale diversità di circolazione in particolare tra il Nord Italia, anche l’altro Tirreno, il Nord Appennino e il resto del paese, saranno due diverse masse d’aria, una instabile e umida atlantica, l’altra più secca e anche più calda di matrice nordafricana. La prima interesserà soprattutto le regioni settentrionali e localmente quelle centrali, la seconda di più il Centro Sud e la Sicilia, localmente anche la Sardegna. Naturalmente l’impatto più eclatante sarà quello della massa d’aria instabile di provenienza oceanica, la quale addurrà un peggioramento abbastanza repentino e anche significativo sulle regioni settentrionali, all’insegna di rovesci e temporali spesso di forte intensità.

Stando alle previsioni meteo, nel corso della mattinata di domani, domenica 26 settembre, giungeranno le nubi via via più intense su Piemonte, anche verso Lombardia centro-occidentale, diffusamente sulla Liguria, con già rovesci e temporali di una certa consistenza, più importanti sui settori orientali piemontesi, su quelli occidentali lombardi e sulla Liguria centrale. Nubi aumenteranno anche sull’alto Tirreno, soprattutto sulla Toscana, localmente anche sul Lazio, sul Centro Nord della Sardegna, con qualche rovescio verso l’alta Toscana, deboli o localizzati altrove. Tempo migliore e più ampiamente soleggiato sul resto del paese, salvo un aumento di nubi irregolari anche sui settori centro-orientali da Nord. Per le ore centrali e poi anche per il primo pomeriggio, rovesci e temporali andranno intensificandosi sulla Lombardia, su Est Piemonte, Liguria, Emilia, con fenomeni forti o spesso anche violenti, probabilmente anche con possibili dissesti e allagamenti lampo tra l’Alessandrino, i settori Nord del Genovese, magari sul Pavese, localmente verso l’Emilia occidentale e l’alta Toscana. Possibili su queste aree accumuli fino a 80/100, localmente anche 120 mm specie tra Alessandrino e Nord Genovese. Via via nubi in intensificazione verso i settori centro-orientali dal Nord con piogge e rovesci in estensione anche a queste aree e verso la Toscana settentrionale. Nel secondo pomeriggio-sera, infatti, i rovesci e o temporali più forti andranno trasferendosi sui settori centro-orientale del Nord, con fenomeni possibili un po’ ovunque tra Emilia-Romagna, Veneto, Trentino, Friuli Venezia Giulia e spesso di moderata-forte intensità, con qualche locale dissesto anche su queste aree. Addensamenti con locali rovesci e qualche temporale ancora su alta Toscana, localmente anche sul resto della Toscana, Nord Umbria e verso Marche. Addensamenti e qualche breve scroscio di pioggia anche sulla Sardegna settentrionale, tempo asciutto sul resto del paese, salvo nubi irregolari in aumento qua e là, soprattutto sui settori tirrenici. Le previsioni meteo computano temperature naturalmente in lieve calo al Nord, per via di più nubi e precipitazioni, valori pressoché stazionari sul resto del paese e piuttosto caldi, decisamente sopra media, fino a +37°C sulla Sardegna, valori massimi ricorrenti di +30/+32°C sulle pianure centro-meridionali, fino a punte di più +33 e 34°C.