Sileri: “l’obbligo vaccinale in questo momento non serve, il vero problema sono i 3,8 milioni di over 50 non vaccinati”

Sileri: “in questo momento l'obbligo vaccinale non serve, la vaccinazione sta andando bene. Arriveremo a fine settembre e vediamo quante sono le persone vaccinate"

MeteoWeb

In questo momento l’obbligo non serve. Vedo più un’estensione del Green Pass in Italia“. Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Salute, ha risposto così alle domande sull’ipotesi di inserire l’obbligo di vaccinazione contro il Coronavirus. “Dell’obbligo vaccinale se ne parla da mesi e se ne parla in tante forme. Deve essere una extrema ratio. O meglio, si può parlare di obbligo vaccinale se la popolazione non si vaccina, il virus corre di più; allora è chiaro che una qualche forma di obbligo bisogna metterla. E abbiamo già una forma di obbligo per il personale sanitario. Oggi la vaccinazione sta andando molto bene e quel target dell’80% della popolazione vaccinata lo raggiungeremo”, diceva Sileri il 3 settembre a “In Onda”, il talk show di La 7, condotto da Concita De Gregorio e David Parenzo.

Sileri ha poi spiegato “perché non si può parlare oggi di obbligo vaccinale”: “innanzitutto perché i vaccini non sono ancora liberi nel mercato, come lo è per esempio Pfizer per la FDA. E anche se la prossima settimana dovesse esserci Pfizer libero per l’EMA – al di là del fatto che sarebbero solo uno il vaccino libero – quest’obbligo serve per raggiungere quale target? Quello che raggiungeremo comunque tra pochi giorni”.

Arriveremo a fine settembre e vediamo quante sono le persone vaccinate. Il vero problema sono i 3,8 milioni di over 50 non vaccinati. Il numero sta calando, aspettiamo un paio di settimane e vediamo le cifre. Non credo che si parlerà di obbligo, vedo più un allargamento del Green Pass“, ha affermato Sileri, che ha sottolineato come “nel mondo occidentale, nessuno ha l’obbligo vaccinale. Ci sarà un perché”.