Raro potente terremoto scuote il sudest dell’Australia: gente in strada, paura e crolli da Melbourne a Sydney [FOTO e VIDEO]

Un forte terremoto ha scosso il sudest dell'Australia: è stato avvertito a Melbourne e a Sydney, provocando tanta paura e danni ad edifici

/
MeteoWeb

Un terremoto magnitudo 5.8 ha scosso il sudest dell’Australia alle 09:15 ora locale, le 01:15 ora italiana.
Secondo l’istituto Geoscience Australia la scossa ha avuto come epicentro la cittadina di Mansfield, nello stato del Victoria, a un centinaio di km da Melbourne, e ipocentro a circa 10 km.

Il terremoto è stato avvertito a Melbourne e fino a Sydney, nella regione del New South Wales.
Molte persone sono scese in strada a Melbourne dopo che la scossa ha fatto tremare gli edifici. Ci sono segnalazioni di danni a edifici a Melbourne e in altre parti dello stato del Victoria.

Si tratta di un terremoto insolitamente potente per l’Australia, che ha colpito circa 130 km a nord-est della seconda città più popolosa del Paese. Il vicepremier dello stato di Victoria, James Merlino, ha citato alcune segnalazioni di danni, tra cui un ospedale che ha perso energia.
Il capo scienziato del Centro di ricerca sismologica Adam Pascale ha affermato che si è trattato del più grande terremoto (sulla terraferma) nella storia registrata del Victoria.
Il primo ministro Scott Morrison ha riferito che non ci sono state segnalazioni di lesioni gravi.

Il terremoto è stato il più intenso registrato in Australia da quando un sisma magnitudo 6.6 ha colpito 210 chilometri al largo della città costiera nord-occidentale di Broome nel 2019.

Raro terremoto scuote l’Australia, danni a Melbourne [VIDEO]

Terremoto in Australia: danni in Chapel Street, a Melbourne [VIDEO]

Terremoto in Australia: il momento della scossa nello studio della trasmissione News Breakfast [VIDEO]

Forte terremoto nel sudest dell’Australia, paura e danni a Melbourne [VIDEO]

I terremoti in Australia

La placca australiana è la massa continentale che si muove più velocemente sulla Terra e si scontra con la placca del Pacifico a nord e a est dell’Australia e con la placca eurasiatica a nord-ovest. Ciò genera principalmente stress da compressione all’interno del continente australiano, che si sta lentamente accumulando attraverso la placca mentre si sposta a nord-est di circa 7 cm all’anno. I terremoti australiani sono causati dall’improvviso rilascio di questo stress quando le rocce in profondità nel sottosuolo si rompono e si muovono lungo una linea di faglia. Mentre alcune parti del Paese hanno maggiori probabilità di subire terremoti rispetto ad altre, scosse importanti possono verificarsi ovunque in tutto il continente e senza preavviso.

Secondo Geoscience Australia, in media ogni anno in Australia si registrano 100 terremoti di magnitudo 3 o più. I terremoti di magnitudo superiore a 5.0, come il devastante terremoto di Newcastle del 1989, si verificano in media ogni uno o due anni.
Circa ogni dieci anni l’Australia subisce un terremoto potenzialmente dannoso di magnitudo 6.0 o superiore, come il terremoto di Meckering di magnitudo 6.5 nell’ottobre 1968.