Un viaggio lungo e tortuoso a caccia di asteroidi troiani: ultimi preparativi per il lancio di Lucy, la missione da record della NASA

I principali obiettivi scientifici di Lucy sono gli asteroidi troiani, rocce spaziali che orbitano intorno al Sole nell'orbita di Giove

MeteoWeb

La sonda Lucy della NASA inizierà la sua odissea spaziale di 12 anni il mese prossimo.
La missione verrà lanciata con un razzo Atlas V della United Launch Alliance da Cape Canaveral, in Florida, il 16 ottobre. Il decollo darà il via a una missione storica che vedrà Lucy avvicinarsi a 8 diverse rocce spaziali nei prossimi anni.

Visiteremo più asteroidi di qualsiasi altro veicolo spaziale nella storia“, ha affermato il ricercatore principale di Lucy Hal Levison, del Southwest Research Institute (SwRI) a Boulder, in Colorado, durante una conferenza stampa. “Supereremo anche un altro record: stiamo andando più lontano dal Sole di qualsiasi altro veicolo spaziale a energia solare nella storia,” ha aggiunto Levison.
Lucy batterà il record della sonda Juno della NASA, che orbita attorno a Giove da luglio 2016.

Studiare gli asteroidi troiani

I principali obiettivi scientifici di Lucy sono gli asteroidi troiani, rocce spaziali che orbitano intorno al Sole nell’orbita di Giove. Esistono due gruppi di troiani: uno che precede Giove intorno alla nostra stella e uno che segue il pianeta gigante.

Gli astronomi hanno catalogato fino ad oggi più di 7.000 troiani, ma la popolazione totale delle rocce spaziali è molto più consistente, forse addirittura comparabile a quella della principale fascia di asteroidi tra Marte e Giove, ha affermato Levison. Lucy sarà la prima navicella spaziale a dare un’occhiata da vicino a qualsiasi troiano e le sue osservazioni potrebbero essere rivelatrici.

I modelli di formazione ed evoluzione dei pianeti suggeriscono che gli asteroidi troiani sono probabilmente resti dello stesso materiale primordiale che ha formato i pianeti esterni, e quindi servono come capsule del tempo, dalla nascita del nostro sistema solare oltre 4 miliardi di anni fa,” hanno spiegato i rappresentanti del SwRI. “Questi corpi primitivi contengono indizi vitali per decifrare la storia del nostro sistema solare e potrebbero persino fornire informazioni sulle origini dei materiali organici – e persino della vita – sulla Terra“.

Il viaggio di Lucy nelle vicinanze di Giove sarà lungo e tortuoso: la sonda effettuerà due diversi sorvoli della Terra prima di dirigersi verso il pianeta gigante. Poi, nell’aprile 2025, Lucy effettuerà il suo primo sorvolo di asteroidi, un incontro con una sasso spaziale nella fascia degli asteroidi chiamato (52246) Donaldjohanson.

Il team di Lucy ha assegnato il nome all’asteroide in onore del paleoantropologo Donald Johanson, il co-scopritore del famoso fossile “Lucy“, una femmina di 3,2 milioni di anni della specie di ominidi Australopithecus afarensis. Il fossile, a sua volta, prende il nome dalla canzone dei Beatles “Lucy in the Sky with Diamonds”. Il logo a forma di diamante della missione Lucy è un riferimento alla canzone.

Dopo avere osservato (52246) Donaldjohanson, la sonda si dirigerà verso lo sciame troiano principale, volando infine verso 4 diversi asteroidi dall’agosto 2027 al novembre 2028. Successivamente, Lucy si dirigerà verso il gruppo “di coda”, dove incontrerà tre rocce spaziali, nel marzo 2033.

Lucy non si fermerà a lungo vicino ai suoi obiettivi.
Miriamo quasi direttamente su di loro, volando entro 1.000 km dalla loro superficie, e Lucy non rallenterà per questi passaggi ravvicinati; si muoverà a velocità tra 5 e 8 km al secondo rispetto agli asteroidi troiani,” ha spiegato Keith Noll, scienziato del progetto Lucy presso il Goddard Space Flight Center della NASA a Greenbelt, nel Maryland. “Quindi gli incontri avverranno rapidamente, con i dati migliori raccolti in poche ore durante gli avvicinamenti“.
Questi dati, raccolti da diverse fotocamere e spettrometri, riveleranno al team della missione la composizione, la struttura e l’attività degli obiettivi.
Lori Glaze, a capo della Divisione di scienze planetarie dell’Agenzia, ha dichiarato che l’impegno di finanziamento totale della NASA per Lucy è di 981,1 milioni di dollari.

La preparazione per il decollo

Nelle ultime otto settimane, il team di Lucy ha preparato il veicolo spaziale per il lancio al Kennedy Space Center della NASA, che si trova accanto alla Cape Canaveral Space Force Station. Ingegneri e tecnici hanno segnato alcune pietre miliari durante questo percorso, tra cui l’installazione dell’antenna ad alto guadagno di Lucy e il riempimento dei suoi serbatoi di carburante.
C’è stato molto lavoro pratico“, ha dichiarato Donya Douglas-Bradshaw, project manager di Lucy presso la NASA Goddard . “Questa estate è passata velocemente, è difficile credere che siamo quasi al lancio“.

Anche le prossime settimane saranno piene di impegni. Ad esempio, il team presto incapsulerà Lucy nel guscio che proteggerà il veicolo spaziale durante il lancio. All’inizio di ottobre, la sonda incapsulata sarà trasportata alla Cape Canaveral Space Force Station, dove sarà posizionata sul suo razzo Atlas V prima del lancio previsto il 16 ottobre.

Incombe su tutti questi preparativi, tuttavia, un potenziale shutdown del governo: i finanziamenti del governo federale scadranno giovedì 30 settembre a meno che i legislatori di Capitol Hill non riescano a raggiungere una sorta di accordo fiscale.

Glaze ha affermato che la NASA sta lavorando per garantire un’eccezione che consentirebbe al team di Lucy di continuare a prepararsi per il lancio anche in caso di shutdown.