Uno dei vulcani più attivi della Terra sta eruttando alle Hawaii: fontane di lava dal cratere Halemaumau del Kilauea [FOTO e VIDEO]

Hawaii: l'USGS ha confermato che un'eruzione è iniziata nel cratere Halemaumau, alla sommità del vulcano Kilauea

  • Credit USGS
    Credit USGS
  • Credit USGS
    Credit USGS
  • Credit USGS
    Credit USGS
/
MeteoWeb

Uno dei vulcani più attivi della Terra sta eruttando sulla Big Island delle Hawaii. I funzionari dell’US Geological Survey hanno confermato che un’eruzione è iniziata nel cratere Halemaumau, alla sommità del vulcano Kilauea. Fontane di lava coprono il pavimento del cratere e nubi di gas vulcanico si innalzano nell’aria. La stessa area è stata sede di un grande lago di lava in varie epoche, durante il passato eruttivo del vulcano.
L’eruzione sta avvenendo in un’area disabitata ed è interamente contenuta all’interno del Parco Nazionale dei Vulcani delle Hawaii. “Tutti i segnali indicano che rimarrà all’interno del cratere,” ha affermato Ken Hon, scienziato dell’USGS responsabile dell’Osservatorio del vulcano delle Hawaii. “Non vediamo alcuna indicazione che la lava si stia spostando nella parte inferiore della zona di spaccatura orientale dove vivono le persone. Attualmente tutta l’attività è all’interno del parco“.
Il livello di allerta è stato innalzato a “warning” e il codice dell’aviazione è al momento “rosso“. All’inizio di mercoledì, i funzionari hanno affermato che era stata rilevata una maggiore attività sismica e un rigonfiamento del suolo, e in quel momento, conseguentemente, hanno alzato i livelli di allerta.

Kilauea ha generato una grande eruzione nel 2018 che ha distrutto più di 700 case e costretto all’evacuazione migliaia di residenti.
In precedenza, il vulcano era stato in lenta eruzione per decenni, ma per lo più non in aree residenziali densamente popolate. Prima della grande eruzione del 2018, Kilauea era attivo dal 1983 e flussi di lava solo occasionalmente coprivano fattorie e case rurali. Durante quel periodo, la lava a volte raggiungeva l’oceano, causando interazioni con l’acqua. Nel corso di quattro mesi nel 2018, Kilauea ha emesso abbastanza lava da riempire 320.000 piscine olimpioniche, ricoprendo un’area più grande della metà di Manhattan con picchi di 24 metri di lava indurita.

Dopo l’eruzione del 2018 il lago di lava sommitale ha smesso di eruttare e per la prima volta nella storia documentata ha cominciato a riempirsi d’acqua, sollevando preoccupazioni circa la possibilità di un’interazione esplosiva tra lava e acque sotterranee. La stessa area del vulcano che ha iniziato a eruttare mercoledì ha eruttato anche a dicembre e l’attività è durata fino a maggio. Ken Hon ha spiegato che questi tipi di eruzione potrebbero verificarsi per anni mentre il vulcano si riempie: “Sappiamo che una cosa che accade è che il magma continua ad entrare nel Kilauea a una velocità abbastanza costante e quindi o riempie l’interno del vulcano e lo repressurizza o esce in superficie“.

Allerta alle Hawaii: in corso eruzione del vulcano Kilauea [VIDEO]