Draghi e Speranza: “si a obbligo vaccinale per tutti e terza dose”

Vaccini, il governo annuncia l'intenzione di istituire l'obbligo vaccinale per tutti se arriverà l'OK di EMA e AIFA. Intanto entro fine mese si inizierà con la terza dose

MeteoWeb

Nella conferenza stampa di oggi pomeriggio, il premier Mario Draghi e il ministro Speranza hanno annunciato l’intenzione di introdurre l’obbligo vaccinale per il vaccino anti Covid in Italia dopo l’ok di Ema e Aifa. Rispondendo alla domanda di un giornalista che ha introdotto lo scenario spiegando che attualmente l’obbligo è irrealizzabile per la natura sperimentale delle vaccinazioni e la mancanza dell’approvazione definitiva dei vaccini da parte di Ema e Aifa, il premier Draghi ha detto “” all’intenzione del governo di introdurre l’obbligo vaccinale generalizzato in tutta la popolazione qualora gli organismi dei farmaci comunitari e nazionali daranno l’ok. Una scelta che farebbe cadere la responsabilità delle vaccinazioni sui cittadini con la firma del consenso informato, e comporterebbe allo Stato l’assunzione di ogni responsabilità compresa la presa in carica di cure e indennizzi per ogni eventuale effetto avverso.

Il Ministro Speranza ha aggiunto che “l’obbligo già c’è per alcune categorie come i medici e gli operatori sanitari tramite apposita norma legislativa, ed estenderlo a tutti è una potenziale possibilità a disposizione del parlamento“. Sempre rispondendo alla domanda del giornalista, Speranza ha aggiunto che “entro fine mese, quindi tra poche settimane, partiremo con la terza dose per le persone che hanno risposta immunitaria molto fragile. Si inzierà da loro, seguendo le linee guida date in tal senso da tutti gli organismi internazionali e dal Cts“.

Sempre nella stessa conferenza stampa, Draghi ha detto anche che “tutti i rifugiati che abbiamo portato in Italia dall’Afghanistan sono già stati vaccinati ed estenderemo la vaccinazione a tutti gli immigrati in arrivo in Italia“.