Abruzzo, troppi casi di gastroenteriti in un solo comune: scattano le indagini dei Nas, acqua inquinata

In seguito alle analisi eseguite dalla Asl di Pescara è emersa la presenza di batteri coliformi e del batterio termoresistente Clostridium perfringens nell'acqua potabile

MeteoWeb

Sono state avviate approfondite indagini da parte dei Carabinieri del Nas di Pescara in merito alla vicenda degli oltre 200 casi di gastroenterite registrati a San Valentino in Abruzzo Citeriore (Pescara) a causa della presenza di batteri nell’acqua potabile. I militari per la tutela della salute stanno affiancando la Asl nell’indagine epidemiologica avviata nei giorni scorsi dopo i primi casi e stanno eseguendo accertamenti negli uffici del Comune di San Valentino, gestore dell’acquedotto dell’Orfento.

In seguito alle analisi eseguite dalla Asl di Pescara è emersa la presenza di batteri coliformi e del batterio termoresistente Clostridium perfringens nell’acqua della condotta, mentre dalle coprocolture eseguite a campione sui pazienti è emersa la presenza di Escherichia Coli Entero-Patogeno (Epec). Le infezioni gastrointestinali hanno colpito più del 10% della popolazione.